Sabato, 12 Giugno 2021
Attualità

Sequestro area demaniale Torre Guaceto: le precisazioni del Centro Velico

In riferimento alla notizia pubblicata su questo giornale sul sequestro di un'area demaniale marittima di circa 1.500 metri quadri all'interno del sito della Riserva

TORRE GUACETO - In riferimento alla notizia pubblicata su questo giornale sul sequestro di un'area demaniale marittima di circa 1.500 metri quadri all'interno del sito della Riserva Naturale dello Stato e Area Marina Protetta di Torre Guaceto utilizzata nel periodo estivo da un'associazione sportiva che si occupa di addestramento di attività velica, operato della Capitaneria di Porto di Brindisi, la stessa associazione precisa quanto segue

Per la stagione 2021 la situazione del Centro Velico Torreguaceto è molto complessa:  la Scuola di Vela sta infatti affrontando importanti problemi per questioni legate alla porzione della Base Nautica che ricade in area demaniale e ad alcune irregolarità riscontrate dall'Amministrazione Comunale. 

La masseria  è stata costruita all’inizio del secolo scorso, quando non c’erano limitazioni all’utilizzo del terreno costiero che oggi è invece Demanio dello Stato. Per questo, da tempo ma senza successo, la proprietà dei terreni e dell’immobile da cui il Centro Velico affitta la struttura si è adoperata per regolarizzare con le autorità competenti ogni aspetto dell’occupazione demaniale. 

A seguito di un sollecito proprio da parte della proprietà, come è stato scritto da molti organi di stampa nelle scorse settimane, nel mese di marzo le autorità  hanno effettuato un sopralluogo e rilevato una serie di infrazioni effettuate proprio sulla striscia demaniale della Base: una presa elettrica, un tubo di irrigazione, un mancorrente di cavi in acciaio, un pozzetto con cavi elettrici, un pozzetto con pompa per lo scarico di una cucina (che va ovviamente non al mare ma al depuratore interno al Centro Velico), uno scivolo in legno, una cassetta antincendio, cartelli di proprietà privata. Il Centro Velico Torreguaceto fin da subito si è messo a disposizione delle Autorità per chiarire e regolarizzare ogni aspetto, così da poter rendere possibile l’effettuazione delle proprie attività.  

In merito a quanto letto negli scorsi giorni negli articoli apparsi sui giornali di Brindisi, i soci,  la presidenza, il consiglio direttivo e il Consiglio istruttori del Centro velico Torreguaceto tengono a sottolineare con voce ferma di essere molto diversi da quanto è stato descritto. Il Centro Velico si è premurato ogni anno – di concerto con il Consorzio di Torre Guaceto – di ottenere dalle autorità tutte le autorizzazioni e i permessi per l’esercizio della propria attività, che da sempre è vivissima la collaborazione con il Parco e con la Riserva Marina Statale che autorizza formalmente a effettuare i corsi e che, come in tanti possono testimoniare, i soci hanno regolarmente provveduto alla pulizia della spiaggia, aiutato bagnanti in difficoltà e, in alcuni casi, la Guardia Costiera"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestro area demaniale Torre Guaceto: le precisazioni del Centro Velico

BrindisiReport è in caricamento