"Prepararsi al rischio riaffollamento dei Pronto soccorso"

Appello del sindacato infermieri Nursind alla direzione della Asl ma anche ai cittadini utenti

Foto di repertorio

BRINDISI – Con la Fase 2 si potrebbe verificare un graduale ritorno dell’affollamento dei Pronto soccorso, da un paio di mesi “desertificati” dal timore di contagio che ha tenuto alla larga le persone con sintomi lievi e patologie affrontabili dai servizi di guardia medica o dai medici di base. Se ciò avverrà, prevede il sindacato Nursind delle professioni infermieristiche, soprattutto a Brindisi si rischia una crisi gravissima. Da qui un appello con due destinatari: da un lato il management della Asl, dall’altro gli stessi cittadini.

“Ci avviciniamo alla Fase 2 dell’emergenza Covid-19, e nei Pronto soccorso ci sarà inevitabilmente un aumento dei pazienti non Covid, che fino ad ora hanno disertato le strutture di emergenza per timore del contagio”, scrive il segreterio territoriale del Nursind, Carmelo Villani. “Si rischia per questo una nuova emergenza tornando alle situazioni di sovraffollamento del periodo pre Covid”.

“Ciò che si potrebbe verificare nel prossimo futuro – secondo Villani - sarà l’impossibilità del rispetto delle distanze di sicurezza sia nelle sale di attesa che per i pazienti in attesa di ricovero o sottoposti ad accertamenti clinici. Questo fatto mette a nudo le risapute e più volte segnalate carenze strutturali dei nostri Pronto soccorso, amplificati dalla necessità dei percorsi differenziati per la gestione dei pazienti Covid e delle altre patologie”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A ciò si aggiunge la difficoltà da parte dei reparti ad accogliere i pazienti dal pronto soccorso prima dell’esito del tampone che verifichi la negatività al virus Sars Cov 2, risultato che non si può avere normalmente in tempi brevissimi”, dice ancora Villani. “Un appello accorato ad un uso consapevole del pronto soccorso rivolgiamo per questo ai cittadini ed al management aziendale affinché si mettano in atto, fin da subito,  tutte le misure necessarie atte ad evitare un possibile disastro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento