Spiagge sporche dopo mareggiate: "Serve la collaborazione di tutti"

Purtroppo si tratta di un fenomeno questo che non risparmia nessuno, nemmeno le amministrazioni più diligenti e attente alle problematiche del territorio

TORRE SAN GENNARO – Spiagge trasformate in discarica dopo le mareggiate. Purtroppo si tratta di un fenomeno questo che non risparmia nessuno, nemmeno le amministrazioni più diligenti e attente alle problematiche del territorio. Nemmeno le associazioni ambientaliste sempre impegnate a organizzare campagne di sensibilizzazione e pulizia. Finché il mare sarà pieno di plastica e rifiuti vari, dopo ogni tempesta gli arenili saranno sempre invasi da materiali di ogni genere, anche se il giorno prima qualcuno ha provveduto alla pulizia. Allora che fare?

spiaggia sporca campo di mare aprile 2019.4-2

La risposta/suggerimento arriva da un ingegnere informatico sampietrano trasferitosi al nord per lavoro, tornato nella sua terra per le vacanze Pasquali: prendere un sacco di plastica ed eliminare i rifiuti dalla sabbia. Evitando che tornino nel mare e approdino poi in qualche altra località. L’invito è rivolto a tutti i cittadini. Il giovane nella mattinata di oggi, mercoledì 24 aprile, si è recato sull'arenile tra Campo di Mare e Torre San Gennaro per una passeggiata sulla spiaggia e ha trovato una distesa di rifiuti.

spiaggia sporca campo di mare aprile 2019-2-2

“Il sole di stamani mi ha portato a fare una passeggiata lungo la spiaggia di Campo di Mare (la zona in questione ricade nella competenza del Comune di Torchiarolo, ndr). Speranzoso di trovare una spiaggia libera da teli, ombrelloni e altre cianfrusaglie tipiche dei mesi estivi, ahimè la sorpresa è stata più amara del previsto: lo slalom l'ho dovuto comunque fare ma tra la  "bio" diversità dei rifiuti”.  Il lettore ha fornito il relativo materiale fotografico.

spiaggia sporca campo di mare aprile 2019-2-3-2

“Al di là delle responsabilità di ognuno, credo sia indegno lasciare le spiagge in questo stato e ritengo inutili e quanto mai autoreferenziali, manifestazioni pro ambiente, quando faremmo tutti meglio a prendere in mano un sacco e pulire le nostre spiagge”. 

Un invito che non dovrebbe essere ignorato se si vuole contribuire realmente alla salvaguardia dell’ambiente. Naturalmente anche le amministrazioni e le ditte che hanno in appalto la pulizia degli arenili dovrebbero essere sempre più impegnate, collaborative e interessate a tutelare la salute pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Sorpreso in piazza con 21 grammi di cocaina: arrestato brindisino

  • Commedia per il cinema girata fra Cisternino e Ceglie Messapica

Torna su
BrindisiReport è in caricamento