rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Attualità

Adoc Brindisi: sportello immigrazione entra nella rete anti-caporalato

A partire dallo scorso 15 giugno è attivo il primo Help desk interistituzionale anticaporalato per l'informazione e l'accesso ai servizi

BRINDISI - Lo Sportello Welfare & Immigrazione dell’Adoc Sezione di Brindisi è entrato a far parte dei servizi territoriali della rete dell’Help Desk anticaporalato. A partire dallo scorso 15 giugno è attivo il primo Help desk interistituzionale anticaporalato per l'informazione e l'accesso ai servizi. Si rivolge ai cittadini di Paesi Terzi vittime o potenziali vittime di sfruttamento lavorativo nelle 5 regioni del sud e può contare su mediatori interculturali e operatrici ed esperte che forniscono supporto in ambito legale, sociosanitario, giuslavorista, amministrativo.

L'Help desk è in grado di offrire un servizio multilingue (inglese, francese, arabo, pidgin, edo/benin, wolof, mandingo, fula, pular) sulle modalità di emersione, sull'accesso ai servizi territoriali e sulle possibilità di inserimento nelle azioni progettuali di Piu Su.Pr.Eme. e Su.Pr.Eme Italia. Il servizio nasce nell'ambito del progetto Piu Su.Pr.Eme. (Percorsi Individualizzati di Uscita dallo Sfruttamento), co-finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Direzione Generale dell'Immigrazione e delle Politiche di Integrazione, e dall'Unione Europea, Pon Inclusione - Fondo Sociale Europeo 2014-2020.

Piu Su.Pr.Eme. è integrativo e complementare al progetto Su.Pr.Eme. Italia (Sud Protagonista nel superamento delle Emergenze in ambito di grave sfruttamento e di gravi marginalità degli stranieri regolarmente presenti nelle 5 regioni meno sviluppate), finanziato dai fondi Amif - Emergency Funds (Ap2019) della Commissione Europea - Dg Migration and Home Affairs. Entrambi i progetti si inseriscono nell’ambito del Piano triennale di contrasto al caporalato e allo sfruttamento lavorativo in agricoltura ed agiscono nelle zone a maggior presenza di lavoratori stagionali migranti nel settore agricolo e nelle aree urbane in cinque regioni del Sud Italia: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

L'accesso al servizio è multicanale e comprende linea telefonica dedicata gratuita, numero WhatsApp, sito web multilingue con form di contatto, app mobile e i principali social network integrati su piattaforma web. Lo Sportello Welfare & Immigrazione dell’Adoc Sezione di Brindisi ha avviato una collaborazione in favore degli utenti dell’Help Desk interistituzionale anticaporalato. Quest’ultimo provvederà ad orientare verso di noi i cittadini stranieri che, dopo essere stati informati dei diritti riconosciuti dalla normativa nazionale, esprimano la necessità di accedere ai servizi forniti dal nostro sportello. Successivamente all’invio, l’Help Desk continuerà a coadiuvarci nella gestione del caso, anche attraverso i loro mediatori interculturali, al fine di agevolare il processo emersivo della vittima o potenziale vittima di sfruttamento lavorativo inviata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adoc Brindisi: sportello immigrazione entra nella rete anti-caporalato

BrindisiReport è in caricamento