rotate-mobile
Attualità

"Tante opportunità per le imprese del verde con i fondi del Pnrr e del Cis"

Confartigianato: "Un esempio, tra i progetti più vicini alla nostra realtà, è quello della Grande foresta orientale che interesserà circa 800 ettari con 23.000 querce, canneti, specie dunali"

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Confartigianato, a firma del direttore Teodoro Piscopiello.

Il settore del verde in questi ultimi anni vede crescere il numero delle sue imprese e degli occupati, a contribuire a tale fenomeno è l’attenzione degli Stati alla crisi climatica, molti sono impegnati in una diffusa azione di ricostruzione e rigenerazione dei sistemi naturali che abbiamo distrutto e in una gestione sostenibile degli ecosistemi, per raggiungere gli obiettivi di un nuovo benessere ambientale si stanno realizzando ingenti investimenti e conseguentemente generando vantaggi economici e nuovi posti di lavoro. 

Oggi, tra le opportunità che si aprono per il settore del verde c’è quella della tutela e valorizzazione del verde urbano ed extraurbano, ben 15,06 miliardi di euro verranno spesi nell’ambito del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) per salvaguardare la qualità dell’aria e la biodiversità del territorio attraverso la tutela delle aree verdi, del suolo e delle aree marine. Prevediamo che le Regioni, le Province, i Comuni oltre che le tante pubbliche amministrazioni proprietarie di aree verdi presenteranno progetti che solo aziende specializzate potranno candidarsi a realizzare.

Un esempio, tra i progetti più vicini alla nostra realtà, è quello della Grande foresta orientale che interesserà circa 800 ettari con 23.000 querce, canneti, specie dunali, con circa 175 km di piste bianche e mobilità dolce e con altrettanti km di impianti di illuminazione ecologica e di monitoraggio, verrà finanziato al Comune di Brindisi con i fondi del Cis, il Contratto istituzionale di sviluppo. Oggi, le imprese del verde che vorranno eseguire tali lavori dovranno avere nel certificato della Camera di Commercio il codice Ateco della manutenzione del verde e quello della silvicoltura, noi suggeriamo di aggiungere l'iscrizione all'albo regionale delle imprese boschive, tale iscrizione potrà effettuarsi in Regione Puglia in una unica finestra temporale, dall'1 marzo al 30 aprile.

Le imprese, sia artigiane che agricole, interessate ad operare in ambito boschivo e forestale potranno rivolgersi alla nostra sede provinciale e ritirare il modulo di manifestazione di interesse con il quale i nostri esperti effettueranno una prima valutazione dei requisiti. Per fissare un appuntamento si potrà contattare il direttore al 328.8519445 o inviare una mail per richiedere il modulo su accennato alla mail teodoropiscopiello@gmail.com. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tante opportunità per le imprese del verde con i fondi del Pnrr e del Cis"

BrindisiReport è in caricamento