Attualità Quartiere San Elia

Allagamenti da tombini otturati a Sant'Elia: problema risolto solo in parte

Una caditoia liberata dagli aghi di pino dopo le segnalazioni scaturite dall'allagamento di sabato scorso, ma altri tombini restano ostruiti

BRINDISI – Pochi minuti di pioggia battente e la strada diventa un fiume. Sabato scorso in via Martini, al rione Sant’Elia, è andata in scena l’ennesima replica di un film già visto e rivisto. Il problema è noto da anni. Gli aghi di pino e i rifiuti che occludono i tombini ostacolano del tutto il deflusso delle acque piovane, rendendo gli allagamenti inevitabili.

Tombino liberato dagli aghi  Sant'Elia-2

La problematica è stata segnalata da un cittadino sul gruppo Facebook “Brindisi Brindisi”, tramite un post accompagnato da foto in cui si vedevano alcune caditoie completamente otturate. A seguito di quella segnalazione un tombino situato fra Arturo Martini e viale Caravaggio è stato liberato (foto in alto), ma a pochi metri di distanza vi sono ancora tombini ostruiti, come si vede nella foto d'apertura dell'articolo.

Via Arrturo Martini-2

Oltre alla pulizia del sistema di scolo delle acque, inoltre, andrebbero anche realizzati dei cordoli lungo le aiuole di via Arturo Martini, onde evitare che gli aghi di pino vadano a finire sulla carreggiata, senza alcun impedimento. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allagamenti da tombini otturati a Sant'Elia: problema risolto solo in parte

BrindisiReport è in caricamento