Torna a funzionare il Port entry light del porto di Brindisi

Importante sistema di assistenza alla navigazione assimilabile alle luci di avvicinamento degli aeroporti, che guidano gli aerei in fase di atterraggio

BRINDISI - Grazie alla sinergia tra Enel Spa, Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale e Capitaneria di Porto, torna a funzionare il Port Entry Light (Pel-6) del Porto di Brindisi.

Questo importante sistema di assistenza alla navigazione è assimilabile alle luci di avvicinamento degli aeroporti, che guidano gli aerei in fase di atterraggio. Infatti, è molto più di un semplice faro, poiché emette una scia luminosa di diversi colori visibile anche di giorno per diverse miglia a largo. L’alternanza dei settori luminosi, verde – bianco – rosso, permette di percepire visivamente se ci si trova sulla corretta rotta di ingresso al porto. In particolare, per seguire la rotta di ingresso più sicura, la nave deve navigare all’interno del fascio di luce di colore bianco.

Il Pel-6, ubicato su una torre metallica di circa 25 mt presso l’isola di Sant’Andrea all’interno del porto di Brindisi, fu realizzato nell’ambito dei lavori di potenziamento dei segnalamenti marittimi del porto, approvati dalla soppressa Autorità Portuale di Brindisi.

Tale segnalamento, a seguito della sua installazione e di un periodo sperimentale finalizzato alla determinazione degli assetti operativi di funzionalità, con l’emanazione del “Regolamento della navigazione nella rada e nel porto di Brindisi”, approvato con Ordinanza n.72/2013 del 19/12/2013 della competente Capitaneria di Porto di Brindisi, venne ufficialmente messo in esercizio e disciplinato.

Nel 2014 la funzionalità del segnalamento in parola era stata interrotta a causa del perpetrarsi, da parte di ignoti, di atti di vandalismo su alcuni apparati di gestione dell’alimentazione elettrica (quadri elettrici e di tele-sorveglianza).

L’intervento di ripristino di questo moderno segnalamento luminoso è stato reso possibile grazie al gruppo Enel e alla centrale “Federico II”, molto impegnati in iniziative di sostenibilità a favore della città. La società elettrica ha curato l’esecuzione di tutte le necessarie opere di manutenzione straordinaria, compresi il riallaccio del Pel-6 alla rete e l’installazione di un idoneo impianto di videosorveglianza.

La Capitaneria di Porto di Brindisi, nell’esprimere soddisfazione per l’importante risultato raggiunto grazie al lavoro sinergico svolto unitamente all’Autorità di Sistema Portuale, alla Corporazione dei Piloti del porto ed Enel, continua a lavorare per incementare il gradiente di sicurezza del porto, con l’obiettivo di addivenire all’introduzione di ulteriori moderni sistemi a supporto della sicurezza della navigazione e della salvaguardia della vita umana in mare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Ospedale Perrino: la gestione dei parcheggi in mano alla Scu

  • Morte bianca di Francesco Leo: l'azienda patteggia la pena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento