rotate-mobile
Attualità Mesagne

A 39 anni dalla tragedia dell'Heysel, il ricordo del giovane mesagnese che perse la vita

Tra i 39 morti il 21enne Alberto Guarini. In viaggio per vedere una partita di calcio, non fece più ritorno nella sua Mesagne

Juventus-Liverpool, finale di Coppa dei campioni, 29 maggio 1985. Ieri ricorrevano 39 anni esatti da una delle più grandi vergogne della storia del calcio. La partita finì 1 a 0 per la Juve con goal di Platini su rigore, ma non è per questo che quella giornata viene ricordata. 

La follia di un folto gruppo di delinquenti determinò il crollo di uno stadio fatiscente, incomprensibilmente scelto per ospitare una partita del genere. A rincarare la dose, una presenza numerica non adeguata delle forze dell'ordine.

Il bilancio fu tragico: morirono 39 persone e più di 600 feriti. E così quella che in Belgio doveva essere una festa per i tifosi italiani si tramutò in un giorno di lutto. Tra gli scomparsi, lo studente di Mesagne Alberto Guarini, di appena 21 anni, che si recò allo stadio con suo padre ed altri quattro mesagnesi. 

Indietro nel tempo

C'erano solo due reti a separare i tifosi della Juventus da quelli del Liverpool. Per gli hooligans inglesi fu un gioco da ragazzi romperle ed invadere il settore Z dello stadio, ovvero quello che l'Uefa aveva assegnato ai  neutrali. Qui, però, sedevano in maggioranza i tifosi bianconeri, con famiglie e figli al seguito.

Gli hooligans decisero di passare alla carica e fecero retrocedere i presenti nel settore, che per sfuggire si ammassarono contro il muro che li separava dalla tribuna alla loro destra. Alcuni si lanciarono addirittura nel vuoto per evitare di rimanere schiacciati da quella "marea umana". 

A causa del peso eccessivo, determinato dallo spostamento della gente, il muro dell'Heysel crollò facendo morire chi capitò sotto le macerie. I più sfortunati fecero la stessa fine in modo ancora più atroce, ovvero calpestati da altri tifosi in preda al panico.  

A distanza di anni, nel 2008 il Comune di Mesagne ha intitolato il nuovo stadio comunale ad Alberto Guarini, nel ricordo di un giovane mesagnese, appassionato di calcio, la cui vita fu strappata da gesti scellerati. 

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A 39 anni dalla tragedia dell'Heysel, il ricordo del giovane mesagnese che perse la vita

BrindisiReport è in caricamento