Arriva Linea Verde Life. Intanto l'Authority pensa ai "CityTree"

A Brindisi la popolare trasmissione di Rai Uno. Sul fronte del porto, un'idea del presidente Ugo Patroni Griffi

BRINDISI – La troupe di Linea Verde Life, in onda su Rai Uno il sabato dalle 12.20, sta realizzando una puntata dedicata a Brindisi. Lo fa sapere l’amministrazione comunale, comunicando che giovedì 23 gennaio i conduttori della trasmissione Marcello Masi e Daniela Ferolla (nella foto sotto) saranno in città sul lungomare Regina Margherita. Ma non è l’unica notizia “green” delle ultime ore: c’è anche un’idea, la possibilità di un progetto, che arriva dal presidente dell’Autorità di Sistema portuale, Ugo Patroni Griffi, per installare in alcuni punti del porto di Brindisi i “CityTree” già adottati dalla municipalità londinese e tante altre città in Europa e altrove.

linea verde life conduttori-2-2

L’Adsp ha già chiesto un preventivo alla società tedesca – la Green City Solutions GmbH di Bestensee - che produce i “CityTree”, alberi artificiali frutto di una tecnologia ambientale mirata sull’abbattimento degli inquinanti nell’aria. L’idea è quella di installarne alcuni nei pressi della stazione rimorchiatori nel Seno di Ponente, ed altri nel Seno di Levante, dove stazionano rispettivamente le unità militari (oltre ai rimorchiatori), e alcuni tipi di navi da crociera (alla ex Banchina Carbonifera).

citytree (2)-2

Cosa sono i CityTree

Cosa sono i “city tree”? Lo spiega sinteticamente superkwh.it: “Già presenti ad Oslo (Norvegia), Dresda (Germania) e Hong Hong (Cina), i ‘CityTrees’ sono dei pannelli biotecnologici che assorbono lo smog in città, rendendo l’aria più pulita. È come se un’intera foresta fosse stata piantata su una superficie di 3,5 metri quadrati. I ‘CityTrees’ servono da arredi urbani per le città e da filtri dell’aria.  Da maggio, anche Modena ha adottato questi primi pannelli biotecnologici che non sono altro che filtri vegetali in grado di catturare 240 tonnellate di CO2 e rimuoverle dall’aria circostante”. Nella città emiliana ne installeranno sei.

Insomma, la scienza e la tecnologia potrebbero arrivare in soccorso della città di Brindisi in attesa dell’attuazione – non certo a breve termine – del progetto urbanistico della “Grande Foresta Orientale”. Rendere “green” il porto è una sfida che presuppone tempi molti più brevi, anche perché si possono aggiungere a questa strategia le colonnine elettriche per gli impianti di bordo delle navi in sosta e i rifornimenti di gas metano per i Tir e le navi ro-ro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Altri 16 alunni positivi nel Brindisino: chiusa una scuola media

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento