Premi Covid: "Offensiva la proposta Asl". Rinviata trattativa con la Fials

Il sindacato: "Siano riconosciuti i premi anche agli operatori sanitari impegnati anche nelle cosiddette aree no Covid"

BRINDISI - Non c’è ancora l’accordo fra l’Asl Brindisi e la Fials, sul “Premio Covid-19” per i mesi di marzo e aprile, gli operatori sanitari che hanno fronteggiato l’emergenza in prima linea. Il segretario generale dell’organizzazione, Giuseppe Carbone, ha definisce “offensiva” la proposta presentata stamani (mercoledì 22 luglio) dall’Asl Brindisi, ossia di una cifra netta di appena 35 euro per turno, 4 euro all’ora che nei turni di notte diviene di 3,5 euro. 

“Sono medici, infermieri, tecnici sanitari e della prevenzione, professionisti sanitari e socio sanitari – afferma Carbone in una nota - che hanno sostenuto il peso dell’emergenza negli ospedali e nelle Asl e che in questa emergenza ha dato prova di grande unità, abnegazione e imprescindibilità e che non chiedono medaglie, ma il riconoscimento di una grande professionalità con un sostanzioso premio economico incentivante”. 

“Gli operatori sanitari - come definito dall’accordo regionale non firmato dalla Fials - sono stati suddivisi in quattro fasce mettendo in atto una netta distinzione tra Infermieri ed operatori di fascia A, B, C e D, ossia i fantasmi questi ultimi, quelli che non compaiono nemmeno, quelli che secondo le scelte della Asl erano completamente al sicuro dal Covid-19, ma che in molti casi, si sono contagiati più facilmente rispetto ad altri”. “Il riferimento è a tutti gli infermieri, operatori sanitari ed Oss, impegnati nelle aree cosiddette no-Covid come l’Ospedale di Francavilla Fontana ed Ostuni e non solo, quelli delle unità operative post-Covid, i pronto soccorso, blocco operatorio dell’Ospedale ‘Perrino’ di Brindisi e così tanti altri professionisti esclusi o emarginati dal premio economico Covid-19”.

“La Fials nella trattativa odierna - ha affermato Carbone - ha sostenuto che tutti i professionisti sanitari durante l’emergenza sanitaria, sono venuti a contatto con pazienti Covid, tutti hanno subito lo stesso identico stress lavorativo, blocco forzato delle ferie, turni di lavoro imprevedibili e paura di rientrare in casa dai propri cari, a tutti deve essere distribuito il premio Covid e tutti nella massima fascia A”.

Pertanto la Fials, a nome di migliaia di Operatori Sanitari della Asl di Brindisi ha chiesto una totale revisione della distribuzione dei “Premi Covid” con inclusione di tutti gli operatori che hanno lavorato sia nelle aree Covid che non-Covid. “La Direzione Generale della Asl di Brindisi - conclude Carbone - con senso di responsabilità, ha accolto la proposta Fials rinviando la trattativa, a tempi brevi, con l’impegno di presentare e definire, con tutte le parti sindacali, una nuova proposta quale riconoscimento premiale agli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid-19”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento