menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Processo a Veneto Banca, centinaia gli azionisti brindisini parte civile

Sono difesi dagli avvocati Domenico Attanasi e Antonio Andrisano del Foro di Brindisi. La prossima udienza è fissata per il 12 dicembre

TREVISO - Si è svolta ieri, sabato 24 ottobre, innanzi al Gup del tribunale di Treviso, Gianluigi Zulian, la prima udienza del procedimento contro Vincenzo Consoli l'ex amministratore delegato di Veneto Banca, unico tra il management chiamato a rispondere di aggiotaggio, ostacolo alla vigilanza bancaria e falso in prospetto nel primo dei capitoli giudiziari relativi al crac della ex popolare. Migliaia piccoli risparmiatori, azionisti di Veneto Banca hanno chiesto di costituirsi parte civile per ottenere il risarcimento del danno subito e costituito dal totale azzeramento del valore dei titoli dell’istituto veneto.

Tra loro anche numerosi risparmiatori brindisini che attraverso le filiali di Banca Apulia avevano acquistato azioni Veneto Banca ignari del reale valore di quei titoli e della situazione di sostanziale dissesto della banca poi posta in liquidazione coatta amministrativa. Per questi motivi, difesi dagli avvocati Domenico Attanasi (dello studio Open-Avvocati) e Antonio Andrisano del Foro di Brindisi, hanno chiesto al giudice di autorizzare la citazione, quale responsabile civile, di Banca Intesa Sanpaolo che non solo è succeduta a Veneto Banca in virtù di atto di cessione di azienda, ma ha anche incorporato Banca Apulia. Il Gup si pronuncerà nel corso delle prossime udienze, la prossima è fissata per il 12 dicembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento