Attualità

Torna l’appuntamento con la Vendemmia solidale a Tenute Lu Spada

Martedì 14 settembre, i ragazzi di Oltre l’Orizzonte saranno coinvolti nell’attività di Vendemmia

BRINDISI - Martedì 14 settembre, i ragazzi di Oltre l’Orizzonte saranno coinvolti nell’attività di Vendemmia, ospiti, come ogni anno, delle Tenute Agricole Lu Spada in contrada Scalella/Cillarese (strada comunale 14 n. 13). Tenute Lu Spada fondata nel 2015 fin dall’inizio ha sempre sostenuto il valore sociale educativo e riabilitativo dell’agricoltura e della vendemmia nel territorio brindisino, valorizzando la vocazione vitivinicola di Brindisi ed il suo patrimonio di vitigni autoctoni strettamente legati al mare e alla fertilità dei terreni e coltivate in biologico.

Oltre l’Orizzonte fondata nel 1992, operante nel settore della Disabilità, dal 2015 partecipa alla Vendemmia e, negli anni, insieme a Tenute Lu Spada, ha costruito interventi educativi – sociali promuovendo nel territorio progetti di Agricoltura Sociale. La vendemmia per entrambe le aziende è doppiamente speciale. Un lavoro di responsabilità e di attenzione che coinvolge con passione non solo i ragazzi diversamente abili, ma anche gli operatori di entrambe le organizzazioni.

Il messaggio che si intende promuovere va in due direzioni: da un lato c'è l'attenzione verso gli ospiti, dall'altro è la terra stessa che chiede lavoro, cuore, solidarietà e cervello per farla vivere rispettandone natura e biodiversità. La terra fa bene a tutti, a bambini, adolescenti, anziani etc.  In tanti sognano di ritornare a produrre sui campi. Ma per non fermarsi al romanticismo e vincere la sfida del mercato, sia per il mondo agricolo, sia per il welfare sociale bisogna credere nella progettazione innovativa ed inclusiva. E’ questo che le due organizzazioni vogliono promuovere, attraverso un’attività che riscopre le tradizioni e le potenzialità del nostro territorio e del settore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna l’appuntamento con la Vendemmia solidale a Tenute Lu Spada

BrindisiReport è in caricamento