Attualità

Scuole nel mirino: più vigilanza, telecamere e indagini

Vertice in Prefettura. La Polizia locale avrà un ruolo primario. I fondi del progetto "Scuole sicure"

BRINDISI – Telecamere, impianti di allarme e sistemi anti-intrusione per la difesa passiva; Polizia locale e strategie informative, analisi delle situazioni scuola per scuola, monitoraggio e interventi mirati in sinergia con le forze dell’ordine. Si muoverà su due direttrici la risposta alla recrudescenza degli atti vandalici e dei furti ai danni delle sedi degli istituti comprensivi di Brindisi.

Se ne è parlato oggi in Prefettura, in un incontro convocato dal prefetto Umberto Guidato su richiesta del sindaco del capoluogo, Riccardo Rossi. All’incontro hanno preso parte, oltre ai vertici territoriali delle forze dell’ordine, ilo stesso sindaco di Brindisi, l’assessore ai Servizi sociali ed il comandante della Polizia locale, Antonio Orefice, ed i dirigenti scolastici degli istituti direttamente interessati.

“Particolare attenzione è stata rivolta al tema del potenziamento delle misure di difesa passiva, con invito ad implementarne la dotazione, laddove carente, attingendo anche ad eventuali finanziamenti pubblici, mantenendo in efficienza gli impianti già operativi. È stata, inoltre, condivisa l’esigenza di valorizzare l’utilizzo di sistemi di allarme e dispositivi antintrusione, di cui alcune scuole sono già dotate”, si legge in una nota diramata in serata dalla Prefettura.

Il prefetto ha posto in evidenza anche l’adesione al progetto “Scuole Sicure” 2019/2020 da parte del Comune di Brindisi, che ha ricevuto dal Ministero dell’Interno un finanziamento di 40.788,89 euro a valere sul fondo per la sicurezza urbana istituito dall’articolo 35 quater del decreto legge 4 ottobre 2018, numero 113, convertito con modificazioni dalla legge 1 dicembre 2018, numero 132. 

“Il progetto, in corso di attuazione, prevede nell’ambito degli interventi integrati finalizzati al rafforzamento delle azioni di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nelle aree circostanti gli istituti scolastici, anche l’implementazione – prosegue la nota - dell’attuale sistema di videosorveglianza presso le scuole medie del capoluogo, attraverso l’utilizzo di telecamere che ampliano in raggio di visualizzazione a zone esterne”.

Per la parte riguardante le valutazioni investigative finalizzate ad una risposta concreta agli atti di vandalismo e ai furti, per costruire il quadro informativo “necessario a sviluppare azioni di prevenzione e contrasto più efficaci”, nei prossimi giorni, “avrà luogo un tavolo tecnico-operativo presso la Questura, con la partecipazione del Comune, della Polizia Locale e dei dirigenti scolastici”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole nel mirino: più vigilanza, telecamere e indagini

BrindisiReport è in caricamento