Vigili del fuoco, "Si continua a lavorare con mezzi vecchi": stato di agitazione

Dichiarano lo stato di agitazione con richiesta di “attivazione della procedura di raffreddamento a seguito di pronunciamento di sciopero provinciale”

BRINDISI – Dichiarano lo stato di agitazione con richiesta di “attivazione della procedura di raffreddamento a seguito di pronunciamento di sciopero provinciale”, le organizzazioni sindacali dei vigili del fuoco Fns Cisl con Teodoro Giosa, Conapo con Damiano Petrachi e Usb con Daniele Vacca, per lo stato in cui versa il parco automezzi di soccorso del comando provinciale di Brindisi.

Nei giorni scorsi anche altre organizzazioni sindacali hanno dichiarato lo stato di agitazione. Si tratta di una decisione presa dopo l’incidente del 4 luglio scorso quando un mezzo di soccorso obsoleto, uscì fuori strada mentre si recava su un intervento.

incidente vigili del fuoco-2

“Sono ormai sempre più frequenti le denunce che queste organizzazioni sindacali del Comando di Brindisi mettono in atto sul grave problema relativo al parco automezzi di soccorso.
 Si continua a lavorare con mezzi vecchi che richiedono continue manutenzioni con costi non certo irrilevanti e che solo grazie al personale addetto si riesce a garantire il soccorso alla popolazione; mezzi ormai obsoleti che non garantiscono più quegli standard di sicurezza necessari per il servizio di soccorso tecnico urgente.
Purtroppo registriamo una scarsa attenzione e considerazione del Dipartimento verso il Comando di Brindisi, in tema di assegnazione di mezzi per il primo soccorso”. Si legge nella lettera in cui dichiarano lo stato di agitazione.

Mancanza di Autopompaserbatoio di tipo grande

“A titolo di esempio viene denunciata la mancanza di un Aps (autopompaserbatoio) di tipo grande da fare da muletto alla prima partenza della sede Centrale durante la manutenzione ordinaria. 
Basti pensare che la Prima Partenza della sede Centrale viene effettuata ininterrottamente da un Aps Actross Mercedes del 2006 con all’attivo più di 270000 chilometri, attualmente in officina in riparazione, e sostituita da mesi ormai da un Aps Euro City di piccole dimensioni del 1998”.

Una sola autoscala e nessuna piattaforma aerea

“Ancora, il Comando di Brindisi, unico caso in Puglia ha una sola autoscala e nessuna piattaforma aerea (Atrid). 
I vigili del fuoco intervengono nella quasi totalità delle emergenze e riteniamo che siamo giunti ad una situazione in cui episodi incidentali, come quello occorso ai colleghi, il 4 luglio scorso si potrebbero verificare nuovamente, e che quindi garantire il soccorso e contemporaneamente la sicurezza degli operatori diventi impossibile”.


“Per quanto esposto, nel rispetto dei diritti, della dignità e della sicurezza dei lavoratori e per la garanzia dell’incolumità della popolazione, queste organizzazioni sindalaci proclamano lo Stato di Agitazione Sindacale preannunciando lo sciopero provinciale e chiedono l’attivazione, nei termini di legge, della preventiva procedura di raffreddamento e conciliazione delle controversie di cui alla Legge 146/90”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba, App di un brindisino emigrato a Londra dopo la laurea

  • Scontro fra auto e bici: muore infermiera, un arresto per omicidio stradale

  • Bomba, centro commerciale Le Colonne: il 15 dicembre apertura anticipata

  • Bomba: le direttive sull'evacuazione e l'elenco aggiornato delle vie

  • Ospedale Perrino, l'oncologa Palma Fedele premiata per empatia con le pazienti

  • Bombe, Torino: evacuati in 10mila. Il 15 dicembre toccherà ai brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento