Attualità

Randagismo: situazione critica, l'associazione chiede interventi

Difficile lo scenario descritto dalla volontaria Filomena Bellanova perchè la situazione porta anche problemi di sicurezza stradale

VILLA CASTELLI - Chiede interventi efficaci di prevenzione e contrasto del randagismo,  Filomena Bellanova, di Villa Castelli, volontaria animalista dell'associazione "Gi Amici di Snoopy"  affinchè il Comune e le istituzioni preposte possano intervenire per far fronte ad un problema che dura da molto tempo e che creando, anche, problemi alla sicurezza stradale del paese. "C'è la necessità assoluta di un piano di intervento che preveda, innanzitutto, le sterilizzazioni per bloccare le nascite, c'è la necessità di censire la popolazione canina vagante sul territorio dove, in alcuni casi, si sono creati veri e propri branchi come quello vicino la piscina comunale che è 'territoriale' ormai. E abbiamo necessità del canile sanitario perchè è previsto dalla legge."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non è solo una questione di tutela degli animali ma è anche una questione economica gravissima perché c’è una spesa pubblica che grava sulle tasche di tutti i cittadini. Il Comune mantiene i suoi cani nel canile privato da tempo e con un costo di 3 euro al giorno. Una spesa enorme - continua la volontaria, l'unica nel paese ad occuparsi dei randagi e delle adozioni dei cuccioli - che sarebbe minore se si provvedesse a sterilizzare i cani randagi, aiutare i cittadini a sterilizzare i cani padronali, a microcipparli per evitare l’abbandono. Per fortuna i cani feriti e incidentati vengono curati grazie alla convenzione stipultata dal Comune con una clinica privata ma di tutto il resto si fa carico l'associazione perchè le istituzioni, purtroppo, sono inadempienti e se non fosse così molti cani sarebbero invisibili o morirebbero nella peggiore delle ipotesi. Il randagismo non è una questione politica, è un fatto etico e sociale che riguarda tutta la comunità ed è tempo che le istituzioni ne prendano coscienza."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Randagismo: situazione critica, l'associazione chiede interventi

BrindisiReport è in caricamento