menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zona rossa, sindaco partecipa a inaugurazione di bar: "Grave segnale"

Buffet, pubblico e sacerdote. L'associazione di promozione sociale "Per San Pietro" condanna l'iniziativa del primo cittadino

SAN PIETRO VERNOTICO - "È zona Rossa per tutti?" Se lo chiede il presidente dell'associazione di promozione sociale "Per San Pietro" Alberto Liaci, in riferimento alla partecipazione del sindaco Pasquale Rizzo all'inaugurazione di un bar a San Pietro Vernotico. Un'inaugurazione in piena pandemia con tanto di buffet, gente all'interno e prete, come mostrano alcune foto pubblicate su Facebook (e poi rimosse) che non è passata inosservata, specie perchè, in zona Rossa, non è consentita nè sosta, nè consumazione nei bar e nei luoghi esterni. Non è proprio consentito uscire da casa, per la verità, salvo per necessità. Nemmeno al primo cittadino.

Un comportamento che ha suscitato polemiche e malcontento specie perchè proprio sabato scorso Rizzo ha annunciato un repentino aumento dei contagi, additando i "furbetti" del Dpcm. Di seguito la nota dell'associazione, corredata di foto. 

alberto foto (1)-2

"San Pietro Vernotico: in due settimane contagi aumentati del 600 per cento. Ma del resto spesso i tentativi volti a far comprendere l’importanza di comportamenti si scontrano con atteggiamenti ottusi, addirittura di intolleranza. Sembra quasi un gioco al sotterfugio per incontrare amici o violare le regole, sentendosi immuni da pericoli (nel mentre magari si sta subendo l’aggressione del virus, favorendone peraltro la diffusione, spesso senza accorgersene)”. Con queste parole, sabato 20 marzo, il sindaco di San Pietro Vernotico, avv. Pasquale Rizzo, annunciava preoccupato l’aumento del 600 per cento dei contagi da covid 19 nel comune e ribadiva le raccomandazioni ai propri concittadini di rispettare le regole, soprattutto nei giorni antecedenti alle feste di Pasqua, dichiarando inoltre che se la responsabilità dei cittadini non fosse bastata a  garantire la sicurezza pubblica “si renderà necessaria l’adozione di specifici provvedimenti stringenti, onde evitare che durante il fine settimana che precede Pasqua, qualcuno pensi di poter  organizzare incontri conviviali  tra amici e familiari“. 

inaugurazione covid rizzo-2

La linea “dura” il sindaco la traccia già il 5 febbraio con l’ordinanza “N. 7 del 05/02/2021” applicando il divieto di “sostare a piedi” dopo le 19 nelle piazze e nelle vie del centro storico, per evitare la possibile aggregazione delle giovani generazioni. Tutto molto coerente sino al 24 marzo, data in cui il primo cittadino autorizza e presenzia, in zona rossa e in piena emergenza Covid, un’inaugurazione di un’attività commerciale, violando, presumibilmente, le normative per la gestione del covid 19. Si precisa, che non è oggetto di critica l’iniziativa audace dell’imprenditrice che, in un momento storico pandemico e soprattutto nel contesto in cui versa il Comune di San Pietro V.co decide di investire in un’attività commerciale, alla stessa vanno i migliori auguri per l’inizio di una nuova attività e dato il massimo sostegno possibile.

Oggetto di critica è il  grave segnale lanciato dal sindaco Rizzo, non solo per la sua evidente “interpretazione della legge” ad personam che ha permesso a lui e ad altri di partecipare a tale evento, ma anche per il segnale politico e di cattivo esempio verso i propri concittadini e i tanto bistrattati giovani. Cosa dirà ai quei giovani che sono senza scuola da più di un anno e che stanno vivendo una situazione di stress emotivo, ansie e depressioni, in cui si aggiunge anche una (giusta?) ordinanza che vieta a loro di sostare in un luogo aperto e pubblico, vedendo queste foto? Cosa dirà a quelle donne per le quali, ora più che mai, le mura domestiche sono diventate sinonimo di triplo lavoro (professione, bambini/anziani, cura della casa) o nei peggiori dei casi di tensione e violenza fisica?

Cosa dirà a quelle attività che sono chiuse da tempo e non vedono la luce in fondo al tunnel, senza che la politica dia a loro una via di uscita e una speranza? Cosa dirà ai cittadini che chiedono conto di un Comune che autorizza l’accesso agli uffici solo due volte a settimana per evitare assembramenti, ma autorizza festeggiamenti privati?

Abbiamo bisogno di un cambio di passo per affrontare meglio le ripercussioni della pandemia.  C'è bisogno di ascoltare le difficoltà e le situazioni che vivono i cittadini, le imprese e le associazioni al fine di aprire un dialogo costruttivo e costruire una comunità che sappia: progettare, innovare e costruire modelli sostenibili di economia circolare, garantendo trasparenza nei processi amministrativi e promuovendo azioni di solidarietà. 

Come associazione, nei primi mesi del 2020, abbiamo fatto richiesta al sindaco, di aprire un dialogo con le parti produttive e sociali del paese e della provincia, sulla base di un progetto “San Pietro Solidale”, che aveva ricevuto il sostegno di diverse realtà, ma quella richiesta, come tutte del resto (riqualificazione urbana, adotta un’aiuola, sicurezza stradale, biblioteca) è rimasta, a tutt’oggi, senza risposta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento