Alimentazione

Dieta, dopo Natale e prima di Capodanno

Continuano a non mancare inviti, aperitivi, brindisi e hai la casa piena di golosità. Ma con alcuni consigli ti aiutiamo ad arrivare in forma all’ultima notte dell’anno

Anche se ci sentiamo gonfi, è difficile mangiare solo lattuga fino all’ultimo giorno dell’anno per indossare un vestito che esalti le curve della nostra silhouette. Poi mettiamoci tutto quel pandoro in dispensa e i tanti pasticcini secchi della nostra tradizione natalizia. Ma niente paura, ti aiutiamo con alcuni consigli a cominciare dal razionare i cibi che consumi abitualmente, come pane, pasta, grissini, biscotti e formaggi. Ridurre le porzioni di questi alimenti vuol dire calorie in meno. E opta per dei menu leggermente sbilanciati verso le proteine: eliminerai la pancia gonfia e ti sentirai più leggera.

Dolci solo a colazione

Mangia pandoro e panettone al posto dei biscotti nel latte e caffè della mattina, non zuccherato.

Se invece in dispensa ci sono dolci natalizi, per alcuni giorni dovrai fare penitenza, e "obbligarti" a mangiarli solo al mattino: il momento della giornata cioè in cui si consumano più energie.

Mangia salmone

Nutriente e ricco di sostanze preziose, il salmone è un alimento leggero. In una dieta adeguata, aiuta persino a perdere peso e a migliorare l'aspetto della pelle, rendendola morbida ed elastica.

Contiene il 23% circa di proteine e un alto contenuto di grassi "buoni" che hanno un'azione protettiva sul sistema cardiovascolare.

Approfitta delle lenticchie

Sono uno degli alimenti di origine vegetale più ricchi di proteine (circa il 25% contro il 21% di quelle contenute nei ceci e nei fagioli secchi). Sappi che 100 grammi di lenticchie secche equivalgono, come quantità, a 215 grammi di carne.

Frutta, l’uva tra Natale e Capodanno

Pur essendo il frutto più zuccherino e calorico in assoluto (apporta 63 calorie ogni 100 grammi), l’uva è anche uno dei più diuretici per la ricchezza di potassio.

Per il suo patrimonio di micronutrienti e la sua alta digeribilità, vanta la fama di frutto depurativo e ricostituente per eccellenza: combatte i calcoli biliari e ai reni, i problemi di digestione e la stanchezza cronica; in più, riduce il colesterolo.

È l'ideale per concludere i pasti delle feste, perché i chicchi di uva sono ricchi di acido tartarico, pectine e mucillagini, sostanze che aiutano a digerire.

Spuntini e altri consigli

  • Spezza la fame sgranocchiando verdure crude o sottaceti: forniscono poche calorie (10-20), ma ti aiutano a non esagerare con le golosità.
  • Incomincia il pasto principale con cibi voluminosi e ipocalorici: verdure crude o cotte condite solo con aceto balsamico e sale, brodo sgrassato, centrifugati di frutta diluiti con acqua. Riempiono lo stomaco e forniscono pochissime calorie.
  • Evita il più possibile salse e intingoli: sono inutili, grassi e ipercalorici.
  • Consuma mezza porzione di ciò che hai nel piatto.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieta, dopo Natale e prima di Capodanno

BrindisiReport è in caricamento