rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cura della persona

Scegliere gli occhiali: ecco i modelli più famosi della storia del cinema

Che siano "da vista" o "da sole" gli occhiali sono accessori che hanno reso riconoscibili al grande pubblico diversi personaggi cinematografici. Di seguito i modelli più famosi

Il cinema è legato ai particolari fisici, oltre che agli accessori che caratterizzano molti personaggi; gli occhiali possono rivestire un ruolo predominante.

Molti appassionati del settore, infatti, spesso preferiscono acquistare montature che ricordano quelle indossate dai propri idoli sul grande schermo. 

Non a caso lo storico marcio Fabbricatorino - in occasione del Festival di Cannes 2022 - ha compiuto un viaggio alla scoperta dei modelli più famosi, utilizzati in alcune pellicole significative dagli anni '50 ad oggi. Ecco quali sono. 

I Cat Eye di Marilyn Monroe in “Come sposare un milionario”

Occhiali 1-2Occhiali 1-2

In “Come sposare un milionario” (1953), il personaggio interpretato da Marilyn Monroe, Pola Debevoise, ha problemi di vista e non mancano i momenti comici dedicati proprio a questa sua caratteristica. Durante una scena ambientata a bordo di un aereo, però, la ragazza viene convinta a indossare un elegante e indimenticabile paio di occhiali Cat Eye: un modello anni Cinquanta e attuale ancora oggi.

Gli occhiali da sole di Audrey Hepburn in “Colazione da Tiffany”

Occhiali 2-2-2Occhiali 2-2-2

In “Colazione da Tiffany” (1961), gli occhiali da sole compaiono fin dalle prime scene e sono uno degli accessori protagonisti dello stile di Holly Golightly. La pellicola si apre infatti con una affascinante ed elegantissima Audrey Hepburn che indossa l’iconico tubino nero e un paio di occhiali da sole ampi e tartarugati, oggi tra i modelli femminili più famosi della storia del cinema. 

Gli occhiali da vista di Christopher Reeve in “Superman”

occhiali Christopher Reeve-2occhiali Christopher Reeve-2

Il dettaglio che più di tutti distingue Superman da Clark Kent sono gli occhiali, un accessorio che sembra quasi nascondere agli esseri umani l’identità del supereroe arrivato da un altro pianeta. Nel film del 1978 con Christopher Reeve, il protagonista indossa un modello da vista sottile, elegante, tartarugato e dalle linee morbide che contrastano con quelle più marcate del viso dell’attore.

Gli occhiali da sole dei Blues Brothers
occhiali Blues Brothers-2occhiali Blues Brothers-2

Tra gli occhiali da sole più iconici e più imitati della storia del cinema ci sono senza dubbio quelli indossati dai Blues Brothers nel film del 1980: scuri, dalle linee squadrate e adatti a ogni occasione. Il segreto è nelle linee classiche, ma dalla forte personalità, che li rendono un modello senza tempo.

Gli Aviator di Tom Cruise in “Top Gun”

occhiali Top Gun-2occhiali Top Gun-2

Quando si pensa agli occhiali con lenti dalla forma a goccia è inevitabile pensare a “Top Gun”, film del 1986 che ha reso celebre in tutto il mondo il modello Aviator trasformandolo in una vera e propria icona di stile, adatto sia all’universo femminile che a quello maschile.

Gli occhiali scuri in “Matrix”

occhiali Matrix-2occhiali Matrix-2

In “Matrix” (1999), gli occhiali da sole sono i veri e propri protagonisti del look total black dei personaggi e si presentano in diverse forme, dimensioni e caratteristiche: grandi e piccoli, con e senza montatura, modelli morbidi e altri squadrati. Ad accomunarli due caratteristiche: sono tutti rigorosamente scuri e dalla forte personalità.

Il tondino di Daniel Radcliffe in “Harry Potter”

occhiali Harry Potter-2occhiali Harry Potter-2

Il tondino è il più classico dei modelli e sul grande schermo ha fatto una delle sue comparse più iconiche nella saga di “Harry Potter” (2001-2011), dove a indossarlo è proprio il protagonista interpretato da Daniel Radcliffe. Il modello è il giusto compromesso tra vintage e modernità, un evergreen unisex adatto sia ai modelli da vista che da sole.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scegliere gli occhiali: ecco i modelli più famosi della storia del cinema

BrindisiReport è in caricamento