Una stanza multisensoriale per la cooperativa "Oltre l'Orizzonte"

La nuova struttura sarà inaugurata mercoledì 5 giugno alle 10,30 ed è stata realizzata con il contributo di Enel Produzione ed altri sodalizi

BRINDISI - Mercoledì 5 giugno alle 10.30 operatori, rappresentanti dei familiari e giovani con disabilità della cooperativa sociale onlus Oltre l’Orizzonte inaugureranno "La Stanza Multisensoriale", realizzata grazie al supporto di Enel produzione – Centrale Federico II. Parteciperanno anche le socie dell’Inner Wheel e dei lavoratori del Cral Petrolchimico che hanno offerto a loro volta un contributo per il progetto. Alla cerimonia parteciperanno il sindaco di Brindisi e il direttore dell’Area Servizi socio sanitari  della Asl di Brindisi.

sala multisensoriale 2-2-2“L’evento rappresenta l’occasione per ringraziare e illustrare quanto ci è stato permesso di realizzare. La Stanza Multisensoriale, la prima nel territorio provinciale,  è stata progettata secondo le linee del metodo Snoelzen – fa sapere una nota della cooperativa - ed è attrezzata con tutti gli elementi che consentono un approccio multisensoriale globale. L’obiettivo di questo intervento è stimolare e favorire il benessere delle persone con disabilità cognitive e difficoltà di relazione”.

La nuova struttura permetterà “di offrire un servizio specifico che serve per la gestione dei comportamenti - problema che emergono in alcune patologie come disturbi dello spettro autistico, iperattività e demenza di Alzheimer”. In sostanza, una nuova opportunità “di sviluppare attraverso l’innovazione tecnologica metodologie d’intervento innovative e che sono oggetto di ricerca scientifica internazionale”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola alla testa: brindisino ucciso sotto casa a 19 anni

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • "Samara Challenge": a San Pietro si chiede l'intervento delle forze dell'ordine

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Vivere e morire nel ghetto. L'altra faccia dell'emergenza giovanile

Torna su
BrindisiReport è in caricamento