rotate-mobile
Salute

Menopausa, ecco quali sono le risposte ai dubbi più ricorrenti

Alcuni chiarimenti in merito alle domande più diffuse riguardo questo tema, in occasione della giornata mondiale della menopausa (18 ottobre)

BRINDISI - La menopausa è una periodo fisiologico che interessa la vita delle donne. Approssimativamente inizia intorno ai 50 anni, e di sicuro rappresenta la fine della fase riproduttiva.

Come tutti i cambiamenti, può generare insicurezze e perplessità. Oggi (18 ottobre), in occasione della giornata mondiale della menopausa, il sito nazionale Today.it ha riportato una guida nutrita sull'argomento

Di seguito vengono sintetizzate - in modo chiaro - le risposte concrete sui dubbi più diffusi tra le donne, mediante le sapienti parole della ginecologa Manuela Farris e della sessuologa Roberta Rossi. 

Le domande più frequenti

1. I sintomi da menopausa si possono avvertire se si hanno ancora le mestruazioni?

Al contrario di quello che - comunemente - si può pensare, alcune donne possono manifestare sintomi prima dell'interruzione delle mestruazioni. Questo è noto come peri-menopausa e può verificarsi fino a 10 anni prima della menopausa effettiva.

2. Fino a quando si può iniziare la terapia ormonale sostitutiva?

I rischi della terapia ormonale sostitutiva, ovvero la specifica cura per ridurre i sintomi da menopausa,  aumentano nelle donne di età superiore ai 60 anni e per le quali sono passati più di 10 anni dalla menopausa. Il tutto si deve ai rischi cardiovascolari.

3. Per quanto tempo è necessario seguire la terapia ormonale?

In media, è consigliabile effettuarla dai tre ai cinque anni. La terapia ormonale sostitutiva deve essere rivista annualmente per determinare la sua prosecuzione o meno. 

4. E' necessario usare contraccettivi anche in menopausa?

La Facoltà di Salute Sessuale e Riproduttiva (Fsrh) consiglia di continuare ad utilizzare una forma di contraccezione durante la peri-menopausa fino all'età di 55 anni. Per le donne in menopausa sotto i 50 anni, si raccomandano altri due anni di contraccezione. Nelle donne di età superiore ai 50 anni, si raccomanda un ulteriore anno di contraccezione.

5. La terapia ormonale ritarda la menopausa. E' vero?

Non è vero. Il corpo continua ad adattarsi ai cambiamenti naturali nella produzione di ormoni nonostante l'uso della terapia ormonale sostitutiva. 

6. Seguendo la terapia ormonale si corre il rischio di ingrassare?

Non ci sono prove tangibili riguardo a questa teoria. Generalmente, i cambiamenti di peso sono molto comuni durante la menopausa, a causa del cambiamento nel metabolismo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Menopausa, ecco quali sono le risposte ai dubbi più ricorrenti

BrindisiReport è in caricamento