Mappatura dei nei: cos'è e perché è importante farla

Non dobbiamo sottovalutare i cambiamenti cutanei del nostro corpo: aiutiamoci con uno screening periodico da prenotare presso gli studi dei dermatologi a Brindisi o presso cliniche specializzate.

Vi siete guardati allo specchio e avete scoperto un nuovo neo? Oppure avete notato l’alterazione di qualcuno già presente sulla vostra pelle, come un bordo irregolare, un colore variabile o una dimensione in aumento?

Bravi, siete dei buoni autoesaminatori. Ora, è importante che segnaliate la variazione al vostro dermatologo: chiedetegli un controllo approfondito attraverso lo screening o mappatura dei nei.

No, non dovete allarmarvi. Ma il nostro corpo ci parla ed è importante saperlo ascoltare.

Che cos’è la mappatura o screening dei nei

Assolutamente indolore e innocua, la mappatura dei nei è una valutazione dermatologica, che consente di controllare le lesioni pigmentate presenti sulla nostra pelle. La mappatura, che a volte si svolge all’interno di una visita dermatologica, interessa l'intera superficie cutanea ed è rivolta alla ricerca di neoformazioni neviche e al monitoraggio, nel tempo, di eventuali nei sospetti, che mostrano caratteristiche atipiche.

Perché e quando farla

La visita dei nei è un importante strumento di prevenzione, fondamentale per individuare precocemente la presenza di eventuali tumori della pelle e migliorarne significativamente le probabilità di cura.

Lo screening dei nei è sempre consigliato, ma, soprattutto, quando:

- si ha anche solo un piccolo dubbio su una recente variazione dell’aspetto dei propri nei;

- si hanno molti nei;

- vi sono stati casi di melanoma nei familiari.

Arrivare preparati alla visita

La mappatura dei nei non necessita di una preparazione specifica.

Tuttavia, per agevolare la visione dei nei e consentire un'attenta ispezione, possono risultare utili alcuni accorgimenti per prepararsi alla mappatura dei nei:

-il giorno della visita, è opportuno, per le donne, rimuovere lo smalto dalle unghie, evitare di truccare labbra, palpebre e viso, non indossare gioielli e orologi; per gli uomini, invece, sfoltire barba o baffi;

-segnalare l'eventuale presenza di macchie in sede genitale;

-se possibile, non eseguire la mappatura quando si è abbronzati: dopo l'esposizione solare,  infatti, l’aumento della melanina può falsare l’aspetto complessivo della lesione e mascherare altri componenti utili per una corretta valutazione e diagnosi;

-portare alla visita la documentazione clinica precedente e riferire al medico se in famiglia ci sono stati casi di melanoma.

Vi segnaliamo alcuni dermatologi e cliniche a Brindisi e dintorni che eseguono la mappatura dei nei.

Dr. Francesco Rinaldi, via Duomo 1- Brindisi

Dr. Antonio Sergio Guadalupi, via Valerio Marco 19- Brindisi

Dr. Luciano Maldari, via Cappuccini 90- Brindisi

Centro Studi Medici - Mesagne

Dr. Sergio Giuseppe Aresta, via G. Falcone 10- Mesagne

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in superstrada: 22enne muore travolto da un furgone

  • Ex carabiniere ammazzato per strada a colpi di fucile: aveva prestato servizio anche nel Brindisino

  • Cade da cavallo durante gara ippica, grave una 19enne brindisina

  • Geni in italiano e matematica, quando il successo è questione di famiglia

  • Dopo delusione d'amore tenta di lanciarsi da ponteggio: salvato dai carabinieri

  • Realizza il suo sogno in piena pandemia: il coraggio di una giovane parrucchiera

Torna su
BrindisiReport è in caricamento