Lunedì, 18 Ottobre 2021
Opinioni

Opinioni

Opinioni

A cura di Blog Collettivo

Ospitiamo in questo Blog opinioni di alcuni cittadini Brindisini

Opinioni

Sessualità consapevole: alcuni consigli per conoscere meglio il proprio corpo

Dagli anni 70' in poi i comportamenti sessuali risultano essere cambiati molto poco, nonostante si abbia oggi un accesso decisamente facilitato al campo delle informazioni di settore

La quantità di informazioni sul sesso oggi aiuta ad avere una sessualità piena ed appagante? 
Dagli anni 70’ in poi i comportamenti sessuali risultano essere cambiati molto poco, nonostante si abbia oggi un accesso decisamente facilitato al campo delle informazioni di settore. Ci sono riviste divulgative, libri, siti, blog di varia natura che trattano in maniera diffusa la sfera della sessualità, eppure, c’è da chiedersi se si abbia una conoscenza approfondita e concreta di come sia fatto il nostro corpo nelle sue parti più intime, del tipo di sensazioni piacevoli che può vivere pienamente e delle modalità di orgasmo /piacere che il nostro sistema corpo–mente è in grado di godere.

L’apprendimento dei comportamenti umani, sin dalla nascita, avviene sulla base del modellamento delle azioni delle persone di riferimento, download_2-2i genitori in primis. L’essere umano impara su imitazione dei grandi, sin dalle prime esperienze di vita. Dal mangiare, al camminare e così via.., viene educato attraverso un accompagnamento esperienziale oltre che cognitivo, su che cosa si fa e sul come va fatto.

Sin da piccoli ci vengono indicate minuziosamente le varie parti del corpo, eccezion fatta per i genitali, che iniziano ad esser ammantati prima dal mistero ed indicati come “quella parte lì..”, la patatina, il pisellino, per poi venir quasi del tutto censurati in fase adolescenziale, sino a quando non si arriva alla prima visita ginecologica per le ragazze e alla prima visita dall’urologo per i ragazzi, non appena sorge qualche problema o fastidio di natura organica. 

In adolescenza, i genitori, alquanto impreparati e diffusamente imbarazzati, effettuano timidi riferimenti alla sessualità e ai genitali, ponendo più l’accento sul cosa non vada fatto  e su quei comportamenti che vadano assolutamente evitati, per sventare il pericolo di malattie trasmesse sessualmente e possibili gravidanze indesiderate. 
Le origini di questo oscurantismo educazionale e culturale le conosciamo o le intuiamo tutti abbastanza bene. 

C’è però da chiedersi, oggi, quanto manchi la consapevolezza nella propria sessualità?

Può aiutare il rispondere a qualche domanda-tipo:
-    Cosa puoi fare, in qualità di genitore, con dei figli in piena adolescenza, oltre al “semplice” vietare o mettere in guardia?
-    Come ti puoi appropriare della conoscenza del tuo corpo e delle basi della tua sessualità, rispettando il tuo sentire, i desideri, quelle sane curiosità che ti possono far vivere una sessualità più piena e in stretta relazione con i bisogni e gli stati evolutivi in cui ti trovi?

Per Te Donna:
-    ..che ti trovi magari già a buon punto del tuo percorso di vita, magari ha già partorito o hai già avuto numerose visite ginecologiche, ti sei mai osservata nei genitali, conosci le caratteristiche anatomiche della tua vulva, della tua clitoride e di come è fatta al suo interno la tua vagina? (..Spesso l’estetista ed  il ginecologo di fiducia conosco le parti intime ben più delle donne stesse); 
-    hai mai notato come si differenziano da quelle delle altre donne o che tipo di accessi privilegiati hai al tuo piacere e al piacere con il tuo uomo?
-    …che tipo di orgasmi puoi avere, di quale intensità, con quali effetti?

Quanto a Te, Uomo:
-    è possibile che, nonostante le esperienze sessuali vissute nei diversi letti, tu non abbia qualche dubbio sul che che cosa piaccia realmente alla tua donna, che tocchi, che pressioni usare; se la clitoride della sua compagna preferisca le tue labbra, la lingua, o le tue mani?
-    ..è possibile terminare un rapporto sessuale, senza esser completamente esausto, girarsi dall’altra parte e sprofondare in un sonno immediato, e privare così l’incontro di una piacevole e rilassata intimità con lei anche dopo l’orgasmo? 
-    ..è possibile che tu possa decidere le tempistiche del tuo orgasmo, evitare eiaculazioni precoci, non di natura organica, senza pensare alle bollette da pagare o a altri aspetti che ti distraggano dalla forte carica eccitativa che stai avvertendo, ma rimanendo completamente immerso nel tuo, nel vostro piacere?

Per Entrambi:
-    che posizioni prediligere per dare il massimo del piacere a te oltre che al partner, al di là delle abitudini che si sono consolidate nel tempo e partendo anche dalla varietà delle tipologie anatomiche, diverse da donna a donna, come da maschio a maschio, che caratterizzano ogni corpo umano?    
    

Qualche utile consiglio da inserire nella propria sessualità, affinchè sia più consapevole: I° step (gli altri, a seguire, nei prossimi interventi)

Per Lei, (purchè, abbia già avuto rapporti sessuali completi):
Dedicati uno spazio di 30 min. circa, accogliente e rilassato, per conoscere in modo ravvicinato le tue parti più intime, esplorando la vulva, osservando, attraverso l’ausilio di uno specchio e di una buona luce presente, come sono fatte le tue labbra interne ed esterne; osserva come è fatta la tua clitoride, se ha o meno il cappuccio, quanto essa disti dall’ostio vaginale, che tipo di tocchi predilige e come.. 
Per chi è un po’ più curiosa e forse si sente più “audace”, oppure è semplicemente stanca di lasciare l’esclusività delle “perlustrazioni” al ginecologo di fiducia e al proprio partner, può acquistare uno speculum in farmacia, di quelli usa e getta, e con l’aiuto di un gel vaginale, una torcia ed uno specchio, seduta comodamente sul letto, può ritrovarsi come Alice nel paese delle meraviglie: ammaliata dal suo mondo intimo e poco conosciuto, che sa tanto accogliere, quanto dare… 

Per la Coppia:
Dedicarsi un intero pomeriggio o una lunga serata per ricorrere ad un piacevole gioco erotico, un gioco di ruoli, da ricoprire a turno, nel quale, in una cornice ben curata nell’atmosfera, nelle luci, nei suoni e nei profumi, ad esempio, la sacerdotessa “inizia” il giovane uomo alle meraviglie dell’universo femminile, il quale si pone, al suo cospetto, con un fare curioso da adolescente alla sua prima esperienza, prestando pieno ascolto alla descrizione dei “mondi segreti” del femminile, facendogli osservare da vicino, mostrandogli cosa piace e come piace esser accarezzata, baciata e presa, consentendogli, successivamente, di fare domande e di assecondare gli eventuali impulsi corporei che nascono..

Lui, nel suo turno, potrà entrare nel gioco di ruolo del paziente che “inizia” la giovane infermiera, oppure del ricco uomo d’affari che concupisce una giovane donna e la vuole “iniziare” al misterioso mondo maschile, o in qualunque altro ruolo stuzzicante, che può essere la base per un nuovo, divertente incontro amoroso..

 Per chi desidera qualche approfondimento in più, la Dott.ssa G. Gravili può esser contattata personalmente  via FaceBook o tramite e-mail gabriella.gravili@yahoo.it . Per Consulenze di Primo Contatto e per un Appuntamento è disponibile dalle h. 18.00 alle h. 20.00 sul numero telefonico 329 4486226. Lo spazio riservato alle Consulenze individuali e di coppia viene effettuato su Brindisi e su Milano e via skype: gabriella.gravili1

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sessualità consapevole: alcuni consigli per conoscere meglio il proprio corpo

BrindisiReport è in caricamento