rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Opinioni

Opinioni

Opinioni

A cura di Blog Collettivo

Bullismo: l’importanza della prevenzione sulle conseguenze

Atti diffamatori e offensivi verbali, fisici o indiretti portano conseguenze negative e spiacevoli. Ancora azioni di bullismo si registrano in cronaca. Le vittime e i bulli, che a loro volta sono vittime della stessa rabbia provata

Atti diffamatori e offensivi verbali, fisici o indiretti portano conseguenze negative e spiacevoli. Ancora azioni di bullismo si registrano in cronaca. Le vittime e i bulli, che a loro volta sono vittime della stessa rabbia provata, sono protagonisti di atti moralmente illeciti e penosi che generano esiti disfunzionali per la salute fisica e mentale, anche a lungo termine. In questi casi, un intervento tempestivo di prevenzione è di fondamentale importanza.

Il bullismo è una forma di comportamento aggressivo che caratterizza alcune relazioni tra pari. In particolare, l’intenzionalità e la persistenza nel tempo generano un notevole effetto negativo sulla salute, per tutta la vita. Infatti quando l’esposizione allo stress è continua diventa cronica, come nel caso del bullismo, il recupero risulta essere molto più difficoltoso, in quanto la tensione eccessiva influenza negativamente i processi fisiologici.

Per prevenzione s’intendono informazione nelle scuole e nei centri di ritrovo circa il fenomeno, attivando le abilità sociali, il problem solving, il circle time e le tecniche di fronteggaimento dello stress, regole e dinamiche relazionali. Questo per educare alla socialità, e al modo di denunciare alle autorità l’accaduto. Molti non sanno, ad esempio che atti di cyber bullismo sono penali e possono essere denunciati alla polizia postale anche se cancellati dalla chat, poiché una traccia resta sempre. Importante è creare un clima in classe, o comunque nel gruppo, di reciproca accettazione e rispetto. In particolare si deve agire sul bullo, sulla comprensione e gestione dei suoi stati emotivi e sulle alternative al comportamento impulsivo di rabbia.

Sono coinvolti attivamente i genitori nel progetto di prevenzione poiché sono i primi promotori del benessere dell’adolescente. Pertanto piccoli e repentini cambi d’umore, d’abitudine, un livello di rabbia o eccessiva tristezza del figlio deve destare un dubbio, un incertezza sul suo andamento quotidiano. In questo la famiglia collaborerà con la scuola: lavorare in sinergia rappresenta un elemento fondamentale affinché l’intervento risulti efficace.

Il bullismo è un fenomeno multi-sfaccettato, e necessita di interventi globali

Ricordiamoci che gli adolescenti di oggi non sono diversi di quelli di ieri, aspettano di essere ascoltati, capiti, guardati da lontano; hanno bisogno di sapere che, in un momento di vita, quale l’adolescenza, fatto di incertezza l’affetto dell’adulto è una costanza.

Non parcheggiamo i ragazzi nel dare per scontato che possono essere come noi alla loro età o che stanno bene solo perché compiono i doveri quotidiani.

Si parla di

Bullismo: l’importanza della prevenzione sulle conseguenze

BrindisiReport è in caricamento