menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sessualità consapevole/2 - Migliorare l'intesa è importante

Chiunque abbia cercato qualche fonte di ispirazione per arricchire la propria sessualità, con la ricerca di posizioni sessuali attraenti, si è sicuramente imbattuto nelle immagini proposte dal Kamasutra

Chiunque abbia cercato qualche fonte di ispirazione per arricchire la propria sessualità, con la ricerca di posizioni sessuali attraenti, si è sicuramente imbattuto nelle immagini proposte dal Kamasutra. Solo uno dei sette volumi che compongono questa vasta raccolta sugli insegnamenti dei piaceri del corpo, dello spirito e della mente, è centrato sull’amore fisico.

Ad osservare le immagine proposte, molte di esse sembrano belle ed eccitanti, altre decisamente acrobatiche e lontane dall’essere comode e facilitare il raggiungimento  dell’orgasmo e l’intimità tra i partners. Certo è che la coppia, una volta sperimentate alcune posizioni piacevoli per entrambi, tende a ripeterle nel tempo, nelle stesse modalità e con le stesse sequenze, con il rischio che, a distanza di tempo, la prevedibilità e la monotonia prendano il sopravvento sul piacere e la giocosità.

Quali accorgimenti prendere e da “tenere a mente”? Per aumentare la carica eccitativa, permettendo che l’energia sessuale si estenda a tutto il corpo, per rilasciarla nell’orgasmo, anche nelle posizioni sessuali più comunemente adottate, vi suggerisco di assumere una postura nella quale, per entrambi:

- il bacino sia libero di muoversi in un movimento basculante, con i muscoli addominali morbidi, privi di contrazione. La tensione della muscolatura, in questa fascia corporea, interrompe la carica sessuale con l’effetto di diminuirla e di trattenere la capacità orgasmica;

- la nuca e la testa rimangano flessibili e senza contrazioni (fate attenzione alle tensioni coniche che accumulate nel tempo). I movimenti di queste parti corporee sono strettamente correlate ai movimenti pelvici, che creano così un’onda lungo tutto l’asse della colonna vertebrale. Nuca e testa devono potersi muovere anch’esse liberamente, affinché tutto il corpo partecipi, in modo fluido, ai movimenti che partono dal bacino, sia per chi sarà in una posizione attiva, sia per chi sarà e in una posizione recettiva;

- il respiro sia pieno, con la bocca aperta e la mandibola dischiusa. Questa modalità è necessaria per permettere alla carica eccitativa di espandersi dalla zona pelvica sino al petto, essere “sostenuta” nella fase di caricamento dell’eccitazione, per concludersi poi nella fase orgasmica. Il respiro ha la funzione di espandere ed aumentare le percezioni sensoriali attivate dai vari sensi messi in gioco ( il tocco, la vista, l’olfatto ed il gusto, nello specifico);

- i piedi o le ginocchia ben ancorate su di un piano di appoggio (letto, parete o suolo): questo serve per aumentare la stabilità, il c.d. grounding, che ha la scopo principale di facilitare il movimento basculante del bacino, senza che si abbia una contrazione muscolare degli addominali, consentendo, così, un movimento fluido dal bacino stesso sino alla nuca, senza alcuna interruzione;

- la presenza venga nutrita, ossia, quello specifico stato emotivo che si concretizza nell’esser attenti a tutte le sensazioni corporee che si presentono nel proprio corpo e nell’esser attenti anche a tutte quelle emozioni che si susseguono velocemente in sé stessi e in relazione al proprio partner, dalla fase di eccitazione e di petting (con le prime carezze, i primi baci)  sino al raggiungimento dell’orgasmo per entrambi;

- il contatto visivo, che consente a lei e a lui di rimanere in intimità, lasciandosi vedere  dal partner in un momento di piacevole vulnerabilità e che è, al tempo stesso, fonte di eccitazione per entrambi. Il contatto visivo sarà privilegiato in alcune posizioni e più difficoltoso, ovviamente in altre (quali quella in cui la donna dà le spalle all’uomo).

Qualche suggerimento specifico per le posizioni sessuali più adottate:

la posizione del Missionario. E’ la posizione più privilegiata nel caso in cui l’uomo desidera dominare attivamente la donna, gestendone il ritmo e l’intensità dei movimenti, mentre la donna ha piacere nel sentirsi recettiva e presa da lui. Rispetto alla posizione più “tradizionale” (lui sopra di lei, con le braccia e le mani in appoggio sul letto, la nuca rigida e la schiena in tensione), vi suggerisco di privilegiare: la “versione” nella quale l’uomo siede sui talloni, ha il busto dritto e morbido al tempo stesso, il bacino di lei è sollevato da un cuscino, mentre le sue gambe o i suoi piedi sono appoggiati, ancorati, sul petto o sulle spalle di lui.

Alternativa: lui è inginocchiato davanti al letto, sopra di un cuscino, il tronco di lei appoggiato sul letto, mentre ha le gambe avvolte intorno al bacino di lui, per facilitare la penetrazione. I vantaggi di queste due versioni: entrambi i partner possono comodamente ruotare il proprio bacino. L’uomo evita di comprimere la zona lombare, la donna ha il petto libero e non le viene compresso dal peso di lui.

Entrambi riescono a respirare in modo pieno e ritmato, così come le nuche di entrambi riescono a muoversi in sincronia con il movimento sinuoso che si viene a creare, anche quando il ritmo diventa veloce e sostenuto dal respiro stesso. Il contatto visivo viene preservato, così come l’intimità che ne consegue. Le mani sono libere di muoversi sui corpi, per aumentare ancora di più il piacere che deriva dal tocco, di diversa intensitò. Il grounding di entrambi facilita il fluire dei movimenti in tutta la lunghezza del corpo.

- la posizione Smorzacandela: la donna sopra l’uomo. L’uomo può rilassarsi, e assecondare i movimenti di lei, che guida il ritmo, l’intensità dell’amplesso, mentre si lascia guardare da lui.  Il respiro, il contatto visivo e il movimento sono pieni e fluidi. Lui può appoggiare i piedi alla parete per aumentare il suo ancoraggio e contribuire al ritmo dei movimenti pelvici che partono da lei. Questa è una posizione ottimale anche quando l’uomo è stanco ed ha piacere a viversi, in modo più recettivo, l’incontro amoroso, mentre le mani posso scivolare sulle zone più sensibili ed erotiche di lei.

- La posizione Da dietro: molto piccante per l’uomo, che può apprezzare in pieno le sinuosità della sua donna, attraverso la vista ed il tocco, mentre la donna può avere una maggiore stimolazione del punto G (c.d. G-Spot), attraverso una stimolazione diretta della parete anteriore della sua vagina. E’ la posizione che può facilitare maggiormente sensazioni forti, e l’accendersi di varie fantasie, che hanno a che fare con il gioco di ruoli di “sottomissione e dominanza”, sia fisica che emotiva.

La schiena di lei può essere coccolata e ricevere così tocchi e carezze che vanno ad amplificare le sensazioni ed i brividi su tutto il corpo. Questa posizione è consigliata anche per lasciare liberi il respiro, i movimenti del bacino sino alla nuca e consentire anche il grounding, laddove entrambi siano appoggiati sulle proprie ginocchia. Ne soffre solo il contatto visivo tra i partner, che può esser recuperato, se lo si desidera, con il supporto di uno specchio, ben posizionato.

La posizione de La Forbice, la suggerisco specificatamente per il caso in cui l’erezione maschile non sia piena, e nei casi in cui il corpo di entrambi sia poco flessibile per varie ragioni (contratture croniche su tutto il dorso, ad esempio). La donna è in posizione supina, con il ventre in su. Il bacino dell’uomo è in pieno contatto con quello di lei, ciascuna coscia di lui si avvolge a quelle di lei. In questo modo, lui può scivolare dentro il corpo della sua donna con un pene morbido, oltre che con una piena erezione.

I movimenti di entrambi possono essere dolci e rilassati, la fusione tra i due corpi può andare avanti anche per un tempo molto lungo, visto che la posizione di per sé è molto comoda e confortevole. Il contatto visivo e quello delle mani può accrescere l’amoreggiare dolce e delicato, che la posizione, di per sé, agevola.

Da Seduti e con il tronco pienamente in contatto, con la donna sopra l’uomo, seduti su cuscini rigidi posti sul letto, o su di una sedia, oppure su di una poltrona senza braccioli. Questa posizione è eccellente per aumentare l’intimità e l’intesa tra i due: ci si può baciare comodamente, fondersi in un lungo abbraccio  ed avere il pieno contatto del corpo, dalle gambe sino alla testa, aumentando la percezione del calore  e della sicurezza che ciascun corpo offre all’altro, mentre la colonna vertebrale di entrambi è morbidamente eretta, così che il respiro possa muoversi ed espandersi facilmente.

Qualunque siano le posizioni e le varianti che scegliate, di volta in volta, per rendere i vostri incontri amorosi sempre più piacevoli e giocosi, vi riporto l’attenzione agli accorgimenti di carattere generale che vi ho indicato sopra: i sensi rimarranno accesi dall’inizio alla fine, nei genitali ed in tutto il resto del corpo. Troverete facilmente la posizione più agevole al vostro sentire del momento: l’intimità con voi stessi e con l’altro e la fantasia ne godranno. (gabriella.gravili@yahoo.it)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento