rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Opinioni

Opinioni

Opinioni

A cura di Blog Collettivo

Ospitiamo in questo Blog opinioni di alcuni cittadini Brindisini

Opinioni

"Ed ora rottamiamoli tutti"

Ed ora “rottamiamoli” tutti. Quelli che sono entrati in consiglio comunale subito dopo la Prima Comunione, ancora con i calzoncini corti, quelli che nel corso di molti anni hanno avuto e concesso privilegi e posti di governo municipale di rilevante importanza, quelli che grazie ad una legge elettorale benevola riescono a convogliare a proprio favore i voti dei famigliari o del proprio condominio per garantirsi una indennità-stipendio e vivere di politica, quelli “a senso civico zero”che antepongono i propri interessi personali a quelli sempre più stringenti e pressanti della collettività, quelli che cambiano casacca privi di cultura politica e di ideologica, che tradiscono con estrema disinvoltura la fiducia di chi li ha votati, mettendosi sfacciatamente e spudoratamente sul mercato delle poltrone senza un briciolo di dignità.

Ed ora "rottamiamoli" tutti. Quelli che sono entrati in consiglio comunale subito dopo la Prima Comunione, ancora con i calzoncini corti, quelli che nel corso di molti anni hanno avuto e concesso privilegi e posti di governo municipale di rilevante importanza, quelli che grazie ad una legge elettorale benevola riescono a convogliare a proprio favore i voti dei famigliari o del proprio condominio per garantirsi una indennità-stipendio e vivere di politica, quelli "a senso civico zero"che antepongono i propri interessi personali a quelli sempre più stringenti e pressanti della collettività, quelli che cambiano casacca privi di cultura politica e di ideologica, che tradiscono con estrema disinvoltura la fiducia di chi li ha votati, mettendosi sfacciatamente e spudoratamente sul mercato delle poltrone senza un briciolo di dignità.

I mesi di commissariamento che separano la città dalla prossime elezioni dovranno servire a politici ed elettori per una profonda pausa di riflessione. Brindisi ha la necessità non più derogabile di essere governata da persone capaci e di ineccepibile onestà morale ed intellettuale, che siano in grado di risolvere il grave problema occupazionale che travaglia la società e che da anni sta minando alle basi lo sviluppo e l'economia dell'intera provincia. Spetta alla politica non mettere in difficoltà i cittadini con candidature inaccettabili e scegliere, invece, candidati che abbiano le caratteristiche richieste a uomini che devono saggiamente governare ed amministrare una città per molti versi difficile e scongiurare il rischio sempre più imminente della fuga dal voto e dalla stessa politica.

La rinascita della città passa attraverso la piena rivoluzione culturale della politica e la ricomposizione di un gruppo di amministratori fedeli ai principi della collettività e della sana gestione della cosa pubblica. Le recenti esperienze insegnano che non basta affidarsi ad un solo uomo-simbolo, al politico di razza qual è stato Mimmo Mennitti, ma per amministrare un città è indispensabile la formazione di un gruppo di dirigenti fedeli ad un progetto politico e rispettosi delle esigenze della città e dei cittadini, capaci di onorare il proprio impegno senza condizioni e ricatti , devoti alla propria maglia indossata in campagna elettorale e che non può più essere dismessa, barattata e svenduta in cambio di poltrone e poltroncine, per condizionare la vita amministrativa del Comune.

E così che si può formare una classe politica che finalmente non dismetta e deleghi con estrema incoscienza la gestione del porto e dell'area industriale, che costituiscono i più importanti fattori della produzione e della crescita della città e della provincia, il vero volano che genera sviluppo ed occupazione, affidandola a personaggi in cerca di gloria e di indennità da "parlamentare" privi di conoscenza dei problemi portuali, delle esigenze del territorio, senza legami con il territorio e carenti di motivazioni. Non sono stati certamente gli elettori brindisini ma è stata la "politica" a candidare ed affidare la guida dell'Autorità Portuale i vari Mascolo, Giannini, Ravedati, Giurgola (ed ora il "professore" Haralambides), presidenti che hanno avuto solo la straordinaria capacità di far crescere gli altri porti (Bari, Taranto), forti di un immobilismo e di una incapacità di progettare e di amministrare che ha prodotto solo risultati sconcertanti e la desertificazione del porto.

E nessuno dei brindisini ha mai votato un dipendente regionale a commissario dell'Area di sviluppo industriale, da oltre dieci anni alla guida dell'Asi fra l'indifferenza dell'intera classe politica, sindacale ed imprenditoriale.

*già segretario generale del Consorzio del Porto e direttore generale del Consorzio Asi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ed ora rottamiamoli tutti"

BrindisiReport è in caricamento