menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Papa Francesco

Papa Francesco

Il Partito democratico scavalcato a sinistra da Papa Francesco

Da ateo anticlericale (che riconosce i valori cristiani nella loro valenza universale) mi fa strano provare una certa forma di affetto e riconoscenza al Papa Francesco. Una vicinanza che potrebbe portare ciascuno di noi ad un lapsus freudiano ad aggiungere l’accento alla parola Papa.

Da ateo anticlericale (che riconosce i valori cristiani nella loro valenza universale) mi fa strano provare una certa forma di affetto e riconoscenza al Papa Francesco. Una vicinanza che potrebbe portare ciascuno di noi ad un lapsus freudiano ad aggiungere l'accento alla parola Papa: scherzando con un amico prete qualche giorno dopo la sua elezione ho confessato che se avesse continuato così forse sarei diventato agnostico e forse chissà magari credente.

Ogni giorno Papa Francesco ci fa sentire piccoli di fronte alle nostre debolezze, alla nostra corruttibilità. Richiamando il messaggio francescano nei suoi discorsi riavvicina a sé e quindi alla Chiesa un gran numero di fedeli; quelli persi grazie ai preti pedofili, a personaggi ambigui come don Verzè o grazie ad alti prelati molto più fedeli al denaro che ad ogni simulacro divino.

Ci sarebbe molto da imparare da questo Papa e sarebbe sufficiente ascoltare quando ci parla di umiltà, degli ultimi e di valori che vanno praticati con comportamenti concludenti ed esemplari. Sembra, dalle sue parole, essere capace di sentire e leggere i cambiamenti in atto nella società e le nuove istanze di uguaglianza che da essa provengono.

Mentre appare che tutto quello che è successo e sta succedendo non scalfisca minimamente l'immobilismo conservativo dei partiti che continuano a mantenere e difendere lo status quo. Il Pd, in particolare, continua a dare un ennesimo pessimo esempio continuando, in un periodo ormai troppo lungo di crisi, a discutere sui giornali, in una rissa condominiale, sulle regole per individuare il nuovo segretario; un'immagine triste di un partito lontano anni luce dai bisogni della gente, della società.

Continuamente ed inesorabilmente ancorato a miopi personalismi che riducono la scelta fondamentale e rifondante del segretario a caciara mediatica. Lontano dai disoccupati, dai precari, dai poveri, dai malati ?.. dai ferrovieri e dagli insegnanti; lontani dalle nuove generazioni e da quelle che verranno.

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento