menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Problemi della coppia e genesi del tradimento

È capitato a molti di fare i conti col tradimento: subìto, messo in atto, anche solo pensato. In tutti i casi abbiamo potuto provare vergogna, rabbia, delusione, solitudine, indignazione. Spesso non ci si sofferma sui motivi che hanno portato a ciò

È capitato a molti di fare i conti col tradimento: subìto, messo in atto, anche solo pensato. In tutti i casi abbiamo potuto provare vergogna, rabbia, delusione, solitudine, indignazione. Spesso non ci si sofferma sui motivi che hanno portato a ciò; si tenta di andare avanti desiderando il meglio fuori dalla coppia ormai logora di rancore. Ma come mai si tradisce? Quale bisogno primordiale spinge le persone a cercare altrove?

Noia, gelosia, invadenza degli spazi altrui, mancanza di affetto e di attenzioni, il non ascolto delle esigenze dell’altro, l’incapacità di comunicare le proprie in modo diretto, chiaro, quanto piuttosto con prepotenza, l’incomprensione sul fatto che uomo e donna sono diversi per natura, possono essere le spie d’allarme che portano a cercare altrove.

Oppure un’altra radice deriva da un insoddisfazione interna, stati d’animo personali come ansia depressione tristezza per cui si vuole capire se si è ancora attraenti, una sfida che cerca rassicurazioni. Un altro ingrediente del tradimento è l’eccitamento del segreto, l’idea del non detto che fa pensare di riaccendersi e riattivare il rapporto spento.

D’altra parte c’è chi cerca tracce del presunto atto perché l’eventuale tradimento subito, la minaccia dell’abbandono, l’eccitazione dell’incertezza condurrebbero a ravvivare nella disperazione la vecchia fiamma spenta, creerebbero uno stato emotivo di curiosità, timore e amore che può in alcune circostanze essere preferibile a una calma sopravvivenza quotidiana.

Questi soggetti sono per temperamento inclini ad annoiarsi e a ricercare stimoli nuovi eccitanti, anche nelle discussioni inutili portando nella coppia malessere e gelosia. In taluni casi accade che l’ossessione, seppur latente, non lascia respirare il partner che, pertanto tradisce.

Di fatto il tradimento non è una cosa che capita o un difettuccio, ma la conseguenza di un problema della coppia o personale che non viene risolto, anzi è accentuato, facendo capire che al di fuori di quel rapporto c’è un mondo intero e probabilmente anche una persona con cui ci si trova maggiormente in sintonia.

Dichiarare consapevolmente che c’è un problema all’interno della coppia è già il primo passo. È utile manifestare i propri bisogni, le rispettive mancanze. Spesso si crede che la magia dei primi mesi resti sempre tale, o che prima poi sparirà e alle prive avvisaglie si getta già la spugna. In entrambi i casi c’è da chiarire che il rapporto se ben curato è in continua crescita e evoluzione.

I sentimenti si rafforzano e la conoscenza diventa più profonda, pertanto la relazione subisce un cambio d’abito, nel quale la magia deve essere mantenuta come i primi tempi con gli stessi comportamenti di autenticità, curiosità e rispetto degli spazi che hanno messo le fondamenta alla coppia. (rita.verardi@libero.it)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento