Martedì, 18 Maggio 2021
Opinioni

Opinioni

Opinioni

A cura di Blog Collettivo

Ospitiamo in questo Blog opinioni di alcuni cittadini Brindisini

Opinioni

L'Università nello show di Brindisi Lng è davvero troppo

Che il duo Tremonti-Gelmini abbia ridotto in braghe l’università e la scuola italiana è sotto gli occhi di tutti. Che le università e le scuole se le stiano inventando tutte per fronteggiare le difficoltà, è altrettanto noto. Ma che l’Università del Salento debba diventare lo strumento di una speculazione propagandistica, è insopportabile. Anzi di più!

Che il duo Tremonti-Gelmini abbia ridotto in braghe l'università e la scuola italiana è sotto gli occhi di tutti. Che le università e le scuole se le stiano inventando tutte per fronteggiare le difficoltà, è altrettanto noto. Ma che l'Università del Salento debba diventare lo strumento di una speculazione propagandistica, è insopportabile. Anzi di più!

E' il caso dell'accordo tra i "baroni" leccesi e i quasi colonizzatori inglesi della Lng, per ospitare nei laboratori dell'ateneo salentino (dove, in quelli di Lecce o in quelli della Cittadella a Brindisi?), lo studio per lo sfruttamento in chiave industriale del freddo, che sarebbe possibile in caso di collocazione a Brindisi del rigassificatore della British Gas, tipo quello per il quale la società inglese ha da oltre tre anni il cantiere sequestrato dalla magistratura, ed è sotto processo penale per una sfilza di reati, tra i quali anche la corruzione (prescritta grazie a certe modifiche al codice di procedura penale). Ma la scienza è scienza, volete che entri nel merito di queste quisquiglie?

Ciò che è odioso è che la mattina l'Università del Salento (che pure di peccati ne ha tanti, a cominciare dall'inutile "diplomificio" istituito a Brindisi con le cosiddette "scienze sociali") bussi a denari alle istituzioni locali per tentare di riempire i buchi di bilancio provocati dalle leggi di Tremonti e della Gelmini, e il pomeriggio si presti disinvoltamente alle speculazioni mediatiche che la Lng sta mettendo in campo da diversi mesi nel tentativo di legittimarsi sul territorio a prescindere dalla ostilità verso l'impianto da tempo espressa dalle istituzioni, Comune di Brindisi e Regione in testa. In verità ci sarebbe anche l'Amministrazione Provinciale nel fronte del no, ma da qualche tempo nutrire qualche dubbio su questa collocazione non è peccato (su questo mi riservo di scrivere più in là).

A parte lo sgarbo istituzionale, con tutto il rispetto per gli scienziati dell'Università del Salento, si vuole veramente convincerci che la Lng abbia affidato a loro le ricerche sul freddo soltanto per riconosciuti meriti di carattere scientifico (i ricercatori inglesi sono meno bravi dei nostri o nei loro atenei certe ricerche sono proibite o costano troppo?), o non invece per mettere un tassello in più nell'operazione di marketing delle coscienze che da qualche tempo gli inglesi, e chi per essi lavora, stanno attuando per ottenere quel consenso sociale, morale e civile che sinora gli è stato negato?

Ed altrettanto dicasi di parte del mondo dell'informazione locale. Da un po' di tempo si ha la sensazione che lo spazio che carta stampata, radio e tv dedicano alla vicenda rigassificatore sia sproporzionatamente sbilanciato in favore degli inglesi, e di chi per essi lavora. C'è qualcuno che può spiegarci perché questo accade, sconfinando spesso anche al di là dei livelli della normale, doverosa imparzialità, come è avvenuto per questa sostanziale mezza minchiata che è lo studio sullo sfruttamento del freddo, le cui conoscenze sono arcinote?

A quale obbiettivo di marketing delle coscienze risponde il far intendere esclusivamente sui media locali, un giorno sì e l'altro pure, che, dopo la Via favorevole e le prime firme ministeriali, tutto sia ormai risolto e che questa bomba sotto il culo dei brindisini è ormai bella e costruita? Tutti sappiamo invece che non è così. La battaglia è ancora lunga e gli esiti ancora incerti.

Noi abbiamo sempre espresso liberamente e con chiarezza in modo che tutti sapessero da quale parte stiamo, e staremmo dalla stessa parte con la schiena sempre dritta, come è scritto (e come sa chi ci conosce) nel nostro Dna, anche se la Lng, o chiunque altro ci avesse inondato di pubblicità, comunque espressa. Abbiamo invece il dubbio che qualcuno stia barando. Che qualche potere forte, e non è la prima volta nella vicenda del rigassificatore come in altre situazioni che hanno riguardato la storia di questa città, sia sceso in campo imponendo obbedienze altrimenti non dovute.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Università nello show di Brindisi Lng è davvero troppo

BrindisiReport è in caricamento