rotate-mobile
Opinioni

Opinioni

Opinioni

A cura di Blog Collettivo

Ospitiamo in questo Blog opinioni di alcuni cittadini Brindisini

Opinioni

Su Alenia si spara a zero, su Edipower e la centrale a singhiozzo tutti zitti

BRINDISI – Comincia domani la procedura di riavvio di due dei quattro gruppi a carbone della centrale Edipower di Costa Morena dopo mesi di fermo per ragioni – aveva spiegato l’azienda ai sindacati – connesse alla domanda del mercato dell’energia. Ma si tratta solo di una attività produttiva di due mesi e mezzo: a metà dicembre la termoelettrica sarà nuovamente fermata, e sempre per ragioni di mercato. Nell’appena trascorso periodo di fermo i lavoratori sono stati in ferie obbligate, o impegnati in corsi di aggiornamento. Lo stesso accadrà prima di Natale. Questa la politica di Edipower a Brindisi, che le quinte della nuova stagione teatrale del “Verdi” sponsorizzata dalla società che Edison condivide con la francese Edf non riescono a celare.

Comincia domani la procedura di riavvio di due dei quattro gruppi a carbone della centrale Edipower di Costa Morena dopo mesi di fermo per ragioni - aveva spiegato l'azienda ai sindacati - connesse alla domanda del mercato dell'energia. Ma si tratta solo di una attività produttiva di due mesi e mezzo: a metà dicembre la termoelettrica sarà nuovamente fermata, e sempre per ragioni di mercato. Nell'appena trascorso periodo di fermo i lavoratori sono stati in ferie obbligate, o impegnati in corsi di aggiornamento. Lo stesso accadrà prima di Natale. Questa la politica di Edipower a Brindisi, che le quinte della nuova stagione teatrale del "Verdi" sponsorizzata dalla società che Edison condivide con la francese Edf non riescono a celare.

Una politica che i lavoratori mal sopportano, perché foriera di incertezza sul futuro. Non a caso il Cobas è giunto a chiedere la chiusura dell'impianto e il passaggio dei lavoratori alla centrale di Cerano dell'Enel (ex proprietaria di quella di Costa Morena). La condotta di Edipower a Brindisi, riconoscendo alla società ogni diritto di orientare le proprie scelte in base all'andamento del mercato dell'energia, è stata in questi anni disorientante, se non sconcertante. Del progetto industriale originario è saltata la parte più cospicua, quella della riconversione a ciclo combinato dei due gruppi fermi dal 2005, mentre non ci sono aggiornamenti sull'iter del progetto di carbonile coperto.

Anche il PD, la sinistra e il fronte ambientalista chiedono la chiusura di Edipower, considerandola una centrale obsoleta, senza prospettive, troppo vicina alla città, e un blocco per una parte del porto industriale che potrebbero essere diversamente utilizzata. I sindacati confederali, pur criticando la gestione dell'impianto, sembrano invece contrari alla sua chiusura. La realtà è che vi è scarsa attenzione politica - salvo le citate eccezioni - e un atteggiamento sindacale meno strillato nei confronti di Edipower, a differenza di ciò che avviene invece per il sito che si trova sulla sponda opposta del porto medio, quello di Alenia Aeronautica.

E non sono pochi coloro che si chiedono perché. Su Alenia si spara, su Edipower si tace. Sino al punto da non citarla nell'elenco degli accordi di compatibilità ambientale, o convenzioni che dir si voglia, da rinnovare. A Edipower si riconosce la legittimità delle scelte determinate dalla condizioni di mercato, ad Alenia - che mantiene in Puglia altri duemila dipendenti oltre ai 74 di Brindisi - invece no, con accuse che vanno dal tradimento del territorio a favore del Nord, sino a quella di aver violato i patti con la Regione e gli enti locali. Quando Edipower ha di fatto congelato il piano per la riconversione a ciclo combinato di parte della centrale (400 milioni di euro di valore, se non ricordiamo male), neppure una parola. Che sarebbe il caso di ritrovare quanto prima, vista la situazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Su Alenia si spara a zero, su Edipower e la centrale a singhiozzo tutti zitti

BrindisiReport è in caricamento