rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Domotica

Condizionatori rumorosi: ecco perché e come intervenire

Una guida completa che descrive tutti i singoli rumori e che propone le soluzioni adeguate al problema

Il condizionatore è uno degli oggetti più utilizzati nel corso dell'estate. Utilissimo per alleviare il forte caldo di questa estate, a volte - però - può manifestare i sintomi di un guasto. Quali sono i segnali da cogliere tempestivamente? Come intervenire? Di seguito una guida che affronta il tema punto per punto. 

Rumore metallico: se il climatizzatore emette un ruomore di questo tipo, presumibilmente il compressore si sarà allentato, oppure le parti interne presenti nell’unità sigillata si saranno danneggiate. Comunque sia, è assolutamente necessario chiamare un tecnico che possa intervenire sostituendo le componenti guaste. Più raramente, può capitare - però - che le pale della ventola del condizionatore siano sbilanciate e sbattano contro le pareti dell’apparecchio. In questo caso si può pensare di intervenire da soli, cercando di bilanciare gli oggetti in questione. 

Un ronzio costante: può succedere che alcune parti si siano allentate, o che all’interno ci siano dei detriti che devono essere eliminati attraverso la pulizia. Potrebbe voler dire - però -  che il ventilatore è sbilanciato o che ci sono delle perdite di refrigerante che indirizzano al congelamento dell’aria condizionata e al mancato raffreddamento della stessa. In ogni caso l’intervento repentino del professionista porrà fine al rumore e permetterà di avere un apparecchio funzionante.

Rumore di colpi: è molto probabile che all’interno del compressore d’aria ci sia una parte rotta o allentata. Sarà semplice porre rimedio, sostituendo l'intero compressore con uno nuovo. 

Scricchiolii: se questo rumore non è usuale rispetto all'utilizzo convenzionale, il problema può esistere nel termostato o - al massimo - da altre componenti elettriche. In alternativa è bene controllare attentamente i pannelli esterni del condizionatore, spesso oggetti a variazioni della forma (estensione o contrazione) in base agli sbalzi termici. Il tecnico dovrà lubrificare le parti che entrano in attrito, aggiungendo degli spessori laddove necessario. 

Stridii e tintinni: nel primo caso, probabilmente vuol dire che il motore sta per rompersi. Sentendo un tintinnio - invece - può darsi che foglie e/o piccoli ramoscelli siano entrati nella struttura. Quest'ultima adrà pulita correttamente. 

Rumore dell'acqua che scorre: questo segnale indica un cattivo riempimento della tubazione del gas o la presenza al suo interno di bolle d’aria. Il tecnico professionista dovrà svuotare e lavare le tubazioni, per poi inserire nuovamente il gas al loro interno.

Prodotti online

Condizionatore fisso

Climatizzatore senza unità esterna

Gas per condizionatore

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condizionatori rumorosi: ecco perché e come intervenire

BrindisiReport è in caricamento