Mutuo ristrutturazione 2019: come richiederlo e quali sono le detrazioni

Se per ristrutturare la prima casa nel 2019 volete chiedere un mutuo, vi consigliamo quale procedura seguire e vi indichiamo le detrazioni.

Ristrutturare casa è un processo fisiologico necessario per il miglioramento della qualità della propria vita. Gli immobili in cui viviamo infatti, al pari di organismi veri e propri,  sono soggetti nel tempo al deterioramento dei propri componenti costruttivi e al superamento, in termini di sicurezza e comfort, dei sistemi impiantistici di cui sono dotati.

Approfittate poi del restyling per eseguire veri e propri cambiamenti stilistici ed estetici che accompagnano il nostro tempo, come uno stile shabby chic o vintage, una casa ecosostenibile o, se amate la tecnologia, affidatevi agli esperti della casa domotica.

Cos’è il mutuo per ristrutturazione

Il mutuo per ristrutturazione è un finanziamento che serve a sostenere le spese per gli interventi di manutenzione e riqualificazione energetica. Il mutuo ristrutturazione può essere erogato con finalità di manutenzione ordinaria, per piccoli interventi oppure con finalità di manutenzione straordinaria, per interventi più organici su ampie porzioni dell’edificio.

Il mutuo può durare dai 5 ai 30 anni, e le modalità di erogazione sono le stesse che per un mutuo acquisto casa, anche se il suo ottenimento è relativamente più semplice, dato che si tratta di cifre senz’altro inferiori. Come per ogni tipo di mutuo, anche questo può essere a tasso fisso, variabile o misto, con loan to value massimo dell’80%.

In alternativa al mutuo si può richiedere un prestito non finalizzato, ma in tal caso i tassi saranno meno competitivi.

Quali documenti servono per un mutuo ristrutturazione                                        

La documentazione necessaria per ottenere un mutuo ristrutturazione varia a seconda del tipo di intervento. Per quanto riguarda la manutenzione ordinaria occorre presentare alla banca il preventivo delle spese redatto dall’azienda che effettua i lavori. Per la manutenzione straordinaria occorre presentare anche il progetto, l’autorizzazione edilizia e la Denuncia di inizio attività (Dia), oltre all’istruttoria per il mutuo.

Detrazioni 2019 per il mutuo ristrutturazione prima casa

I bonus per la ristrutturazione della prima casa sono stati prorogati fino al 31 dicembre 2019. Fino a quel termine, quindi, si potrà detrarre il 50% delle spese di ristrutturazione edilizia per un tetto massimo di 96 mila euro. Si possono portare in detrazione interventi su edifici privati legati a restauro e risanamento delle parti comuni, per interventi di rimozione delle barriere architettoniche, per ricostruzione dopo eventi calamitosi, per migliorare sicurezza e risparmio energetico. Così come per interventi di riduzione rischio sismico (sisma bonus variabile tra il 50 e l’85%) e di rifacimento aree verdi (bonus verde, 36%)

Potrebbe interessarti

  • Estate: gli elettrodomestici per la vostra casa

I più letti della settimana

  • Rimedi e soluzioni per pulire il box doccia

  • Come organizzare una cena a buffet a casa

  • Estate in giardino: le piscine interrate, costi e tipologie

  • Come educare il gatto alla lettiera

  • V-bag tracker: il Gps per il vostro bagaglio

  • Estate: gli elettrodomestici per la vostra casa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento