menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A casa marijuana e trita erba: arrestato dalla Mobile

Accusato di spaccio Giuseppe Miccoli, 21 anni, di Brindisi: ieri gli agenti hanno perquisito la sua abitazione

BRINDISI - Marijuana, tria erba, spatola, taglierino e bustine di cellophane più 190 euro. La droga, il necessario per il confezionamento delle dosi e la somma di denaro sono alla base dell'arresto con l'accusa di spaccio di Giuseppe Miccoli, 21 anni, di Brindisi. Il giovane è finito ai domiciliari, all'esito del controllo posto in essere dagli agenti della Squadra Mobile di Brindisi, nella sua abitazione, nel quartiere Paradiso.

Foto 1(FILEminimizer)-11

I poliziotti dell’Unità Anticorruzione coadiuvati dai colleghi delle Volanti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, ieri pomeriggio, hanno sottoposto a perquisizione domiciliare Miccoli, avendo il sospetto che potesse esserci sostanza stupefacente. Anche perché nei giorni precedenti avevano notato movimento nei pressi della palazzina in cui abita il ragazzo. 

Il sospetto ha trovato conferma, quando gli agenti hanno trovato  20 grammi di sostanza risultata, poi, al narcotest stupefacente del tipo marijuana, materiale per il taglio e confezionamento delle dosi consistente in 3 trita-erba, lame di taglierino, spatola, bustine di cellophane, coltello da cucina, elastici ed altro. E' stata sequestrata anche la somma contante di 190euro, ritenuta provento dell’illecita attività.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento