rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Acque Chiare, Cassazione rinvia in attesa della sentenza di Strasburgo

Oggi era prevista udienza, ma è stato disposto nuovo ruolo: proprietari delle villette ancora con il fiato sospeso per il rischio confisca

BRINDISI – Resta il nodo sul destino del villaggio Acque Chiare, con conseguente fiato sospeso i proprietari delle villette, finite sotto sequestro: oggi era prevista la pronuncia della Cassazione, ma la Corte ha disposto il rinvio a nuovo ruolo in attesa del verdetto della Grande Chambre di Strasburgo sulla confisca o meno degli immobili in caso di prescrizione della lottizzazione abusiva.

Si tratta del secondo rinvio disposto dagli Ermellini: il primo risale al 29  gennaio 2016, sempre per la stessa motivazione. Rimane il punto interrogativo, quindi, sul futuro del complesso Acque Chiare, lungo la litoranea a Nord di Brindisi. Bisognerà aspettare ancora altro tempo. Mesi se non addirittura un altro anno. Tempo che si aggiunge a quello trascorso dal giorno del sequestro avvenuto 27 maggio 2008. Quasi dieci anni volati, con il villaggio diventato un fantasma. E con un ulteriore nulla di fatto sul fronte della tipizzazione urbanistica della zona, visto che il Piano urbanistico generale non è ancora stato varato dal Comune di Brindisi.

Il caso al vaglio dei giudici europei attiene a un caso ritenuto “gemello” di Acque Chiare, in quanto simile è la contestazione mossa. La Cassazione, evidentemente, intende uniformarsi all’orientamento europeo. Da Brindisi il corso dei proprietari continua a ribadire la propria buona fede nell’acquisto degli immobili come seconde case, per le quali furono contratti mutui non ancora estinti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acque Chiare, Cassazione rinvia in attesa della sentenza di Strasburgo

BrindisiReport è in caricamento