Cronaca

Bocciodromo al rione Bozzano, gara aggiudicata in via definitiva

Vince l'impresa Co.ge.se con un ribasso dell'8,65 per cento: 135.198 euro. Per finanziare l'opera il Comune ha ottenuto un mutuo di 170mila euro dalla Cassa depositi e prestiti: il progetto inserito nel piano delle opere pubbliche del 2014

BRINDISI – Taglio dei costi dell’8,65 per cento per la realizzazione del bocciodromo che il Comune di Brindisi ha pensato per il rione Bozzano, nella zona 167: dalla somma inizialmente prevista pari a 170mila euro, si è scesi a 135.198 euro, dopo l’aggiudicazione dell’appalto.

La strada scelta dal Comune ha portato all’indizione di una “gara informale” che è stata aggiudicata, in via definitiva, in favore della ditta Co.ge.se, stando ai verbali relativi ai giorni 13 e 22 gennaio scorsi.  

Perché mai l’Amministrazione, ha preferito seguire questo percorso e non invece un bando di gara ordinario? La risposta è da trovare nell’”eccezionalità dei lavori e dei tempi imposti per la loro realizzazione”. Da qui la “procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara, mediante invito a 12 ditte che sono iscritte nell’elenco degli operatori economici del Comune di Brindisi, secondo il criterio della rotazione e della trasparenza”.

L’aggiudicazione è avvenuta “mediante criterio del prezzo più basso, offerto sull’importo dei lavori posto a base d’asta”.

Per coprire il costo, l’Amministrazione ha già presentato istanza per ottenere un mutuo, riconosciuto dalla Cassa depositi e prestiti: la domanda è stata depositata esattamente un anno fa, a voler essere precisi il 30 dicembre 2014, all’indomani dell’inserimento dell’investimento nel programma delle Opere Pubbliche per il periodo di tempo che va dal 2014 sino al 2016, approvato il 25 settembre di un anno fa dal Consiglio comunale di Brindisi. Ma all’epoca la decisione di destinare la somma alla realizzazione del bocciodromo non trovò tutti i consiglieri comunali d’accordo.

L’impulso all’iter, in ogni caso, venne dato e il progetto esecutivo è stato messo a punto dai tecnici dell’Amministrazione e approvato dal dirigente del settore Impianti sportivi, Fabio Stefano Lacinio: i lavori a base d’asta ammontano a 148mila euro, a cui si aggiungono tremila euro per gli oneri per la sicurezza, a seguire l’Iva al dieci per cento per 15.100 e ancora ulteriori spese, autorità di vigilanza e infine imprevisti e arrotondamenti, sino ad arrivare al totale di 170mila euro. Somma oggi ridotta con il ribasso presentato in sede di gara, adesso aggiudicata

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bocciodromo al rione Bozzano, gara aggiudicata in via definitiva

BrindisiReport è in caricamento