menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assalto notturno al Red and White: presi due brindisini, incastrati da un selfie

In carcere Giovanni Quaranta e Walter Valenti, entrambi, di Brindisi, 20 anni, indagato a piede libero un minorenne per il colpo nel bar di viale Commenda nella notte tra il 7 e l'8 luglio. Bottino pari a 60 euro euro

BRINDISI - Cinque giorni dopo il colpo da 60 euro nel bar Red and Whte di Brindisi i carabinieri hanno arrestato due brindisini ritenuti gli autori della rapina consumata nel locale di viale Commenda: in carcere sono finiti Giovanni Quaranta e Walter Valenti, entrambi 20 anni e residenti in città, mentre è rimasto a piede libero un ragazzo minorenne che, stando alla ricostruzione, era armato di pistola. Sono stati incastrati tutti e tre dalle immagini registrate del sistema di videosorveglianza dell'esercizio commerciale e da un selfie scattato in auto, poco prima del colpo, con il telefonino e trovato nella galleria dello smarphone in uso a Quaranta, autore poco prima di un sopralluogo mascherato dall'acquisto di un rustico.

fotogramma rapina red and white-2

Quaranta e Valenti sono destinatari di un'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale Paola Liaci sulla base di gravi indizi di colpevolezza  ravvisati dal sostituto procuratore Simona Rizzo assieme alle esigenze cautelari costiutite dal concreto pericolo di reiterazione del reato perché - come si legge nel provvedimento di arresto - la pistola non è ancora stata ritrovata.

QUARANTA GIOVANNI - per stampa-2Il provvedimento è stato eseguito nella tarda mattinata di oggi, 13 luglio 2017, dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Brindisi. Quaranta (nella foto a sinistra)  ha piccoli precedenti per stupefacenti, Valenti  è incesurato: sono stati identifoicati dai militari agli ordini di Luca Morrone a stretto giro: l'informativa di reato in Procura, infatti, è stata depositata nelle 48 ore successive, il tempo necessario per procedere alla visione delle registrazioni delle telecamere poste a protezione del bar nonché di quelle in uso a un altro esercizio commerciale  si affaccia in via Ragusa, strada diventata via di fuga per i rapinatori dove è stato trovato un passamontagna di colore rosso e di svolgere le perquisizioni presso le abitazioni dei giovani.

VALENTI Walter - per stampa-2Il primo a essere finito nella rete dei controlli dei carabinieri è stato Quaranta, trovato nella sua abitazione: lì sono stati recuperati i i vestiti che, secondo l'accusa, sono stati usati la notte della rapina. In questa circostanza è stato sottoposto a controllo il telefonino cellulare ed è spuntata la foto che lui stesso ha fatto prima della rapina assieme a due ragazzi, gli stessi visti in azione all'interno del bar: Valenti (nella foto a destra) prende il registratore di cassa contenente l'incasso pari a 60 euro, il minore impugna un'arma. Quaranta, invece, risulta il proprietario dell'auta usata, una Lancia Delta. Nel suo appartamento, inoltre, è stata trovata una modica quantità di sostanza stupefacente.

Gli indagati affronteranno gli interrogatori di garanzia nelle prossime ore, alla presenza dei difensori Daniela d'Amuri e Livio Di Noi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento