rotate-mobile
Cronaca

Colpo di scena alla gara per la riscossione tributi: si dimette presidente

C'è un colpo di scena nella gara per il servizio di riscossione dei tributi per conto del Comune di Brindisi. Si tratta di una lettera licenziamento dei 20 addetti del settore inoltrata lo scorso 30 ottobre dalla ditta uscente, Abaco, alla Camera del lavoro e alle organizzazioni sindacali, ma non all'amministrazione comunale

BRINDISI – C’è un colpo di scena nella gara per il servizio di riscossione dei tributi per conto del Comune di Brindisi. Si tratta di una lettera licenziamento dei 20 addetti inoltrata lo scorso 30 ottobre dalla ditta uscente, Abaco, alle organizzazioni sindacali, ma non all’amministrazione comunale. Questo documento, a detta del consigliere comunale dell’opposizione Massimiliano Oggiano, potrebbe integrare un’ipotesi penalmente rilevante proprio in merito alla gara per l’affidamento dell’appalto, alla quale ha partecipato solo la stessa Abaco.

Il bubbone è scoppiato ieri mattina (26 novembre), durante la seduta della commissione Bilancio. In precedenza, la commissione di gara, presieduta dalla dirigente del Servizio tributi, Mirella Destino, si era riunita per l’apertura della busta tecnica (dal cui contenuto si evince se un soggetto ha i requisiti per partecipare all’asta). Ma nessuno era al corrente della lettera di licenziamento.

Solo Oggiano era in possesso della carta. E sulla base di quanto riferito dal capogruppo di “La Puglia prima di tutto” ai componenti della commissione Bilancio, l’avvio della procedura di licenziamento aprirebbe un contenzioso con delle ripercussioni anche sulla partecipazione di Abaco (l’unico, come detto, che ha presentato un’offerta) alla gara.

Nel chiarire che la lettera in questione non era mai stata trasmessa al Comune, pare che la Destino, dopo essersi consultata con chi di dovere, abbia dichiarato di non ravvisare gli estremi per la compromissione della gara. Stamani, però, la stessa ha inviato al sindaco Consales e al segretario generale, Paola Giacovazzo,una  nota in cui annunciava le sue dimissioni dalla presidenza della commissione di gara, dicendo di non poter più ricoprire tale incarico con serenità.  E stando ad alcune indiscrezioni filtrate da Palazzo di città, sembra che l’orientamento sia quello di nominare al suo posto il comandante della polizia municipale, Teodoro Nigro.

La questione, inoltre, potrebbe avere degli strascichi giudiziari, visto che Oggiano ha preannunciato l’intenzione di consegnare le carte alla magistratura. C’è il rischio concreto, quindi, che la procedura di gara possa impantanarsi: un problema non di poco contro, se si considera che 20 persone potrebbero perdere il lavoro e il Comune non dispone di personale in grado di effettuare il servizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo di scena alla gara per la riscossione tributi: si dimette presidente

BrindisiReport è in caricamento