Cronaca

Parcheggi: sit-in sotto la pioggia, su Twitter "pugilato" tra sindaco e cittadini

Sit-in a piazza della Vittoria, organizzato e promosso da cittadini e associazioni per protestare contro il provvedimento attuato dal sindaco Mimmo Consales, che ha destinato il lato sinistro di corso Garibaldi ad area per sosta e parcheggio, e coda su Twitter con un duro scambio tra lo stesso sindaco e alcuni oppositori dell’operazione

BRINDISI – Sit-in a piazza della Vittoria, organizzato e promosso da cittadini e associazioni per protestare contro il provvedimento attuato dal sindaco Mimmo Consales, che ha destinato il lato sinistro di corso Garibaldi ad are per sosta e parcheggio, e coda su Twitter con un duro scambio tra lo stesso sindaco e alcuni oppositori dell’operazione. All’incontro c’erano, secondo le stime della polizia, una cinquantina di partecipanti che impavidi, nonostante la pioggia e il freddo, hanno alimentato il sit-in discutendo vivacemente del provvedimento attuato, hanno sostenuto, senza l’adeguata considerazione della città e dei restanti commercianti (rispetto ai favorevoli) contrari all’attuazione di tale provvedimento.

Tra i partecipanti, oltre ai promotori rappresentati da Carlo Ceglie, Riccardo Rossi, consigliere comunale di Brindisi Bene Comune, il quale aveva già manifestato con un comunicato stampa la contrarietà del movimento al provvedimento del primo cittadino. Al sit-in ha ribadito tale opposizione, sostenendo la causa del no al parcheggio sul corso: “L’emergenza- dice Rossi - dovuta alla mancata programmazione di lavori pubblici, non può essere risolta con la soluzione predisposta dal sindaco già tre anni fa con l’apertura di corso Garibaldi ed ora con i parcheggi”. Per questo motivo, mercoledì Rossi chiederà all’Autorità Portuale, assieme agli altri rappresentanti politici che aderiranno alla causa, la concessione dell’area interna della ex stazione marittima, inutilizzata, per predisporla come spazio da allestire per stalli. Se questa soluzione andasse in porto, la richiesta che si avanzerà al primo cittadino sarà quella dunque di chiudere definitivamente corso Garibaldi alla viabilità ed ovviamente eliminare i parcheggi realizzati appositamente per ovviare al problema.

Riccardo Rossi, Carlo Ceglie e Cosimo Strbace-2“Se l’Autorità Portuale – ha concluso Rossi - concedesse tali spazi ed il sindaco non accogliesse la nostra proposta, come cittadini promuoveremo una mozione di sfiducia, una mozione popolare con una raccolta di firme”. Molti cittadini si sono pronunciati sulla questione, e portavoce di questi si è fatto Carlo Ceglie, promotore del movimento organizzato sui social. Anche Carlo Ceglie lancia iniziative volte un dialogo con le autorità per trovare soluzioni praticabili, perché “una protesta senza proposta è inutile.” Associazioni di cittadini e di categoria sono pronte a fronteggiare il problema. Il prossimo incontro al momento pare essere la manifestazione di mercoledì 11 febbraio dove tutti assieme faranno fonte comune all’ormai conclamato problema dei parcheggi in città.

E passiamo all'incandescente scambio di tweet tra sindaco e alcuni cittadini, a proposito di un messaggio del sindaco che definiva "da idioti" l'atteggiamento di chi presentava come una soluzione a lungo termine il parcheggio ricavato su un lato di corso Garibaldi, scatenando una reazione immediata. BrindisiReport.it ha sentito Mimmo Consales, il quale ha confermato ciò che aveva anche scritto su Twitter, vale a dire che il messaggio della discordia era una reazione a due post offensivi su Facebook, social network che egli non frequenta più. Ma lo scambio è stato pesante.

“Io non ce l’ho nei confronti di chi contesta la scelta di aprire corso Garibaldi ai parcheggi, perché di critiche sono abituato a prendermene a tonnellate. Non accetto che si dicano bugie, così come non accetto la falsità e le offese personali”. Il sindaco chiarisce dunque che il tweet incriminato (“Bisogna essere proprio idioti a non capire che abbiamo riaperto c.so Garibaldi per soli due mesi e per l'emergenza dei lavori in corso!”) era rivolto a un paio di persone che gli avevano rivolto delle offese personali attraverso il social network Facebook. “Non appena mi sono reso conto che il primo messaggio scritto su Twitter poteva essere equivocato, ho subito precisato che non ce l’avevo con la cittadinanza, ma solo con quei soggetti che mi avevano offeso su Facebook, sul quale fra l’altro non ho più alcun profilo”.

Sit-in piazza della vittoria-2Per quanto concerne la questione parcheggi, il primo cittadino ribadisce di non essere venuto meno all’idea di un’isola pedonale sul lungomare. E la soluzione dei posti auto su corso Garibaldi è solo provvisoria. “Io richiuderò il corso al parcheggio – prosegue il sindaco – e rimetterò le fioriere lo stesso giorno in cui inaugureremo via Del Mare. Era evidente che bisognava trovare dei correttivi rispetto ai disagi causati dalla chiusura integrale del parcheggio di via Del Mare. Non potevo restare indifferente rispetto alla situazione drammatica in cui versano alcuni commercianti, uno dei quali mi ha detto di essere sul punto di fallire. Rimuovere le fioriere ci è costata una giornata di lavoro, per ricavare 28 posti auto. Questi, aggiunti a quelli di piazza Vittorio Emanuele (fra cui quelli messi a disposizione dalla Capitaneria di porto), ci consentono di alleggerire una situazione pesante. Con un po’ di buona volontà, i problemi si risolvono”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggi: sit-in sotto la pioggia, su Twitter "pugilato" tra sindaco e cittadini

BrindisiReport è in caricamento