rotate-mobile
Cronaca

I quartieri della città invasi dagli alieni: ma è solo lo scherzo di qualche writer

Mentre si rende pubblico un dossier dell'Aeronautica militare che raccoglie testimonianze sull'avvisamento di Ufo nei cieli del Brindisino, la città viene invasa dagli alieni: ma sono solo murales. Da qualche giorno in alcuni quartieri di Brindisi, precisamente Commenda, Centro, Zona Industriale e Sant'Elia sono comparsi omini bianchi dai contorni neri dalla sagoma di veri e propri alieni

BRINDISI – Mentre viene reso pubblico un dossier dell'Aeronautica militare che raccoglie testimonianze sull'avvisamento di Ufo nei cieli del Brindisino, la città viene invasa dagli alieni: ma sono solo murales. Da qualche giorno in alcuni quartieri di Brindisi, precisamente Commenda, Centro, Zona Industriale e Sant'Elia, su muri di recinzione, sotto cavalcavia, e su prospetti di case abbandonate sono comparse sagome di omini bianchi dai contorni neri simili a veri e propri alieni.

Una scena che non è passata inosservata specie per chi ha letto, recentemente, alcuni servizi giornalistici locali sulla pubblicazione di un libro "Ufo, i dossier italiani" (Mursia, p.338), scritto da due giornalisti Vincenzo Sinapi, caporedattore aggiunto alle cronache italiane dell’Ansa, e Leo Petrilli, fondatore e direttore di WikiLao.it, che lavora per Rds e per La Stampa, che racconta, sulla scorta di un dossier redatto dal Reparto generale sicurun gruppo di alieni sotto un portico-2-2ezza dell’Am, di alcune testimonianze e disegni riguardanti l'avvistamento di Oggetti non identificati o navicelle spaziali, proprio nei cieli del Brindisino. 

Uno degli ultimi risale a esattamente quattro anni fa: "Il primo maggio 2010 l’Aeronautica prende atto di un avvistamento a Brindisi, nei pressi dell’invaso del Cillarese. Alcuni cittadini avvisano le forze di polizia per un avvistamento di uno strano bagliore nel cielo. Una volta sul posto i vigili del fuoco notano la fuoriuscita di fumo da un vecchio sito militare della Marina. Al suo interno un albero, non lambito dal fuoco, sui cui rami c’era un fazzoletto le cui estremità erano cucite con una catenina che a sua volta terminava con un tappo fornito di guarnizione in gomma".

Alieni? Di episodi di oggetti volanti non identificati, sulla cui apparizione nei paraggi del pianeta terra non è stato poi possibile fornire spiegazioni di alcun genere, catalogati nell’archivio dell’Aeronautica ve ne sono un’infinità. Intanto qualche writer ha voluto divertirsi disegnando sagome di alieni in ogni angolo della città. Principalmente nelle zone a maggiore scorrimento di traffico. In alcuni casi compaiono a gruppi in altri si vedono spuntare solo omini solitari, tutti dalla stesse dimensioni e proporzioni. Sbucano da ogni visuale, anche dall'alto, strappando sorrisi ma anche malumori specie in chi non condivide l'arte del writing e in chi è facilmente suggestionabile. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I quartieri della città invasi dagli alieni: ma è solo lo scherzo di qualche writer

BrindisiReport è in caricamento