rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca Centro Storico / Via Mercato

Intervento/ Ritardo record per inizio lavori a piazza Mercato: già a nove mesi

Adesso c'è la probabilità che si decida di far partire i lavori di riqualificazione di piazza Mercato, del centro urbano di Brindisi, nel pieno della stagione estiva, con la possibilità di interferenze dolorose con le attività commerciali esistenti nella piazza, ma anche con l'utilizzo della stessa e della viabilità di accesso per le manifestazioni estive

BRINDISI - Adesso c’è la probabilità che si decida di far partire i lavori di riqualificazione di piazza Mercato, del centro urbano di Brindisi, nel pieno della stagione estiva, con la possibilità di  interferenze  dolorose con le attività commerciali esistenti nella piazza, ma anche con l’utilizzo della stessa  e della viabilità di accesso per le manifestazioni estive, a cominciare dalla prossima rassegna sul Negramaro.

Si stanno purtroppo  concretizzando i motivi di  preoccupazione e le perplessità manifestate in più circostanze a causa del ritardo, che si stava consumando per l’inizio dei lavori e che allo stato attuale ha inspiegabilmente superato il limite dei nove mesi dall’assegnazione provvisoria  alla ditta risultata vincente della gara per l’affidamento dell’appalto dei lavori,  avvenuta nel lontano 11 luglio 2013.

Un vero e proprio record negativo, in palese contrasto  con la dichiarata urgenza dei lavori di riqualificazione della piazza, che  aveva  determinato l’amministrazione comunale a impegnare risorse economiche importanti (circa  270.000 euro più Iva),  ma anche con le rassicurazioni fornite all’inizio del mese di ottobre 2013 dall’assessore  alle attività produttive dell’epoca,  in merito al ritardo  che si era nel frattempo  accumulato ed alle legittime preoccupazioni di molti ,  che temevano lo sconfinamento degli stessi nel periodo estivo.

Piazza MercatoTutto, si disse da  palazzo di città, era dipeso da intoppi di natura burocratica fra l’ufficio affari generali e ragioneria, ormai superati. Nondimeno, continuava il comunicato,  sarà assicurata una costante vigilanza per far iniziare i  lavori nel più breve tempo possibile, in modo da  rispettare  i tempi per la riconsegna della piazza agli operatori del commercio e a tutti i cittadini, ma anche l’impegno ad ascoltare le riflessioni e le proposte di quelli operatori,  per andare  incontro alle loro esigenze.

Rassicurazioni  vacue, senza alcuna conseguenza pratica, considerato che  nonostante siano trascorsi ulteriori 180 giorni,  si è persa traccia,  sia  della data di effettivo inizio  lavori, sia del loro termine, sia di quella disponibilità all’informazione puntuale  di quelli operatori e all’ascolto delle loro esigenze. Mi rifiuto di credere che ci sia la volontà di danneggiare qualcuno, tuttavia è invadente una  sensazione quantomeno  di disattenzione e di trascuratezza per un problema, che riveste grande importanza per molti.

Per questo va recuperato quel livello di attenzione rimasto confinato nelle righe di quel comunicato,  per fare  chiarezza sulla data effettiva dei lavori, sulla  loro tempistica, sulla loro interferenza con le attività e l’utilizzo della piazza, ma anche per informare ed ascoltare  gli operatori commerciali, le loro esigenze, per  evitare che possano incidere negativamente  sui loro bilanci, sulla  capacità di reggere la loro attività e di conservare i posti di lavoro, ma anche sulla possibilità per i cittadini di potersi godere la piazza in tranquillità nelle serate estive.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intervento/ Ritardo record per inizio lavori a piazza Mercato: già a nove mesi

BrindisiReport è in caricamento