Cronaca

Fondazione Giannelli, tasse non pagate per la casa di riposo: cartella al Comune

La notifica a Palazzo di città: non è stato trovato nessuno presso la sede della struttura per anziani in contrada Pignicedda". Per l'immobile non c'è mai stato il certificato di fine lavori. L'assessore Campo: "Subito indagine interna per verificare l'iter amministrativo"

BRINDISI  - Viaggio a vuoto del messo notificatore di Equitalia in contrada Pignicedda per notificare la cartella esattoriale a carico della Casa di riposo Maria Rosaria Giannelli, inserita nella lista dei contribuenti di Brindisi: la consegna non è andata a buon fine e di conseguenza ha depositato gli atti a Palazzo di città così come avviene nei casi di destinatari “irreperibili”.

Istantanea Giannelli-2L’avviso di deposito di atti nella Casa del Comune è stato registrato nella giornata di ieri, 19 dicembre, nell’elenco numero 1064 tenuto dagli uffici dell’Amministrazione cittadina ed è registrato con un codice che permette ad Equitalia, la società di riscossione, di identificare la ragione della richiesta di pagamento, vale a dire la tipologia delle imposte o tasse non versate.

In questo caso il contribuente è la “Casa di riposo M.R Giannelli”, ultimo desiderio di Serafino Giannelli, il potestà che lasciò una serie immobili a Brindisi, poi raccolti in una Fondazione. Tra le proprietà ci sono anche i fazzoletti di terra che si trovano in contrada Pignicedda sui quali è stata realizzata la costruzione per accogliere gli anziani, ma il punto è che per quella casa di riposo – ad oggi – non risulta esserci stato il certificato di fine lavori.

Non stando a quando si apprende dagli uffici sede della ripartizione Urbanistica del Comune. Stando così le cose, secondo alcuni quella costruzione sarebbe una realtà “fantasma”, nella pratica una contraddizione in termini. Ma tant’è. Non ci sarebbe neppure un certificato per l’agibilità e quindi per l’abitabilità.

Com’è possibile? “Apprendo solo ora di questa storia che risale nel tempo”, dice al telefono l’assessore all’Urbanistica Giampiero Campo, espressione di Noi Centro. “Storia per la quale, stando così le cose, si rende necessario un immediato approfondimento attraverso un’indagine interna al Comune: è necessario ricostruire passo per passo l’intero iter amministrativo seguito nel corso degli anni per capire cosa sia avvenuto e qual è l’attuale situazione non solo della casa di riposo Maria Rosaria Giannelli, ma dell’intera Fondazione”.

Quanto alla Fondazione, la sede è stata trasferita a Palazzo Guerrieri, uno dei palazzi di proprietà del Comune, dopo la vendita degli immobili in piazza Anime. Mentre sul fronte politico non è ancora arrivata la nomina per il nuovo commissario, in sostituzione del dimissionario Salvatore Brigante, attuale assessori ai Lavori Pubblici: secondo indiscrezioni potrebbe essere l’avvocato di Brindisi, Antonio Nozzi, tesserato Pd. La decisione ultima spetta al governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano.


 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Giannelli, tasse non pagate per la casa di riposo: cartella al Comune

BrindisiReport è in caricamento