rotate-mobile
Cronaca

Cisl, nuova responsabile per il coordinamento donne

Stefania Vantaggiato, 39 anni, dipendente di Poste Italiane e già segretario organizzativo Slp Cisl territoriale, è stata nominata il 26 settembre

BRINDISI - La Cisl di Brindisi-Taranto ha una nuova responsabile per il coordinamento donne: Stefania Vantaggiato (nella foto in basso), 39 anni, dipendente di Poste Italiane e già segretario organizzativo Slp Cisl territoriale, è stata nominata il 26 settembre nel corso dei lavori del consiglio generale tenuti a Brindisi, presso Palazzo Granafei Nervegna.

Stefania Vantaggiato-2

"Proseguiamo lungo il percorso tracciato dal nostro recente congresso, per qualificare ed implementare ancora di più la nostra rappresentanza Cisl nei luoghi di lavoro e nel territorio  – ha detto Antonio Castellucci, Segretario generale territoriale – con particolare attenzione alle peculiarità di genere, al welfare aziendale, alla corretta fruizione dei diritti contrattuali in particolare da parte delle donne, come anche alle politiche di sviluppo che attenuino la forte disoccupazione specialmente femminile in entrambe le aree di Taranto e di Brindisi.”

 Nel suo saluto di ringraziamento Stefania Vantaggiato ha sostenuto come sia “impegnativo essere una donna sindacalista, missione che va ad aggiungersi ai pesi di organizzare la propria famiglia ed il proprio lavoro. Ma noi abbiamo spalle forti e tempo per far tutto e farlo bene. Mi impegnerò a lavorare su tutte le iniziative che la Cisl sostiene a cominciare, in queste settimane, dalla campagna  Fermiamo la Domanda a favore delle donne vittime di prestazioni sessuali. Proporremo anche agli Enti Locali del nostro territorio il modello adottato dal Sindaco di Firenze, ovvero un’ordinanza contro coloro che sfruttano questo fenomeno.”

Vantaggiato ha, dunque, rilanciato l’appello ad aderire on line alla Campagna  dell’Associazione Papa Giovanni XXIII (http://www.questoeilmiocorpo.org/petizione) per la liberazione delle donne vittime di tratta e di sfruttamento a sostegno alla legge Bini, che potrebbe introdurre sanzioni per chi si avvale delle prestazioni sessuali di soggetti che esercitano la prostituzione.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisl, nuova responsabile per il coordinamento donne

BrindisiReport è in caricamento