rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Cocaina in discoteca: il brindisino ottiene i domiciliari

Andrea Stabile, 27 anni, arrestato a Otranto, lascia il carcere di Lecce dopo l'interrogatorio davanti al gip: "Quella droga era in parte per uso personale". Accolta l'istanza del difensore Anna Maria Caracciolo. Sotto sequestro 23 dosi

BRINDISI -  Dopo una notte trascorsa in carcere è tornato a casa, in regime di arresti domiciliari, Andrea Stabile, 27 anni, di Brindisi, bloccato in una discoteca di Otranto con 23 dosi di cocaina e 3,3 grammi di hashish. Il brindisino ha affrontato questa mattina l'interrogatorio davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecce, in sede di udienza di convalida, e ha fornito la sua versione dei fatti, alla presenza del suo avvocato di fiducia, Anna Maria Caracciolo del foro salentino.

STABILE Andrea-2Il giovane ha ammesso la detenzione della sostanza stupefacente trovata dai militari e posta sotto sequestro assieme a 160 euro, somma ritenuta il provento dello spaccio, ma ha reso alcune precisazioni sulla destinazione della droga: "Era in parte per uso personale", ha detto al gip Giovanni Gallo che ha convalidato l'arresto. Il pubblico ministero Carmen Ruggiero aveva chiesto la custodia in carcere. La penalista in considerazione dell'atteggiamento mostrato dall'indagato ha evidenziato la sussistenza di elementi tali per sostenere l'attenuazione delle esigenze cautelari e per questo ha chiesto i domiciliari. Il gip ha accolto la richiesta e Stabile nel primo pomeriggio di oggi ha lasciato il carcere di Borgo San Nicola per far rientro nella sua abitazione, dove resterà ristretto in attesa della definizione del procedimento penale.

L'arresto è stato eseguiito dai carabinieri di Otranto in collaborazione con quelli della compagnia di Maglie nell'ambito delle attività di controllo previste nel fine settimana, in prossimità dei locali frequentati dai giovani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina in discoteca: il brindisino ottiene i domiciliari

BrindisiReport è in caricamento