menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cronaca

Asl, dieci defibrillatori per gli ospedali di Brindisi e San Pietro

Fornitura per Neonatologia, Radioterapia, Dialisi, Medicina, Endoscopia e Dermatologia. Investimento pari a 40mila euro dopo le richieste dei direttori di unità operativa avanzate all’inizio dell’anno

BRINDISI – Dieci defibrillatori per gli ospedali Antonio Perrino di Brindisi e Melli di San Pietro Vernotico: oggi la Asl ha dato il via libera all’acquisto, accogliendo le richieste avanzate in tal senso dai direttori delle unità operative complesse.

La spesa prevista e impegnata per la fornitura è pari a 39.900 euro a cui si aggiunge l’Iva pari al 22 per cento, la consegna dovrebbe avvenire “entro e non oltre i 30 giorni naturali dalla comunicazione dell’avvenuta aggiudicazione”.

I defibrillatori saranno destinati a Medicina trasfusionale, per la quale ne sono stati chiesti tre, mentre una sola apparecchiatura riguarda Radioterapia, Endoscopia digestiva del Melli, Nefrologia e dialisi, Gastroenterologia, Centro per la terapia del dolore, Dermatologia e Utin-Neonatologia.

Le prime istanze con richiesta di defibrillatori risalgono al mese di settembre dello scorso anno, stando alla documentazione richiamata nella delibera con la quale il direttore generale dell’Azienda sanitaria locale di Brindisi, ha approvato l’indizione della procedura negoziata per la fornitura.

La prima in ordine di tempo è datata 10 settembre 2015 e porta la firma del direttore dell’unità di Endoscopia digestiva dell’ospedale di San Pietro. A questa ha fatto seguito la nota del direttore di Nefrologia e dialisi del Perrino che risale al 29 dicembre, quindi le altre istanze l’ultima delle quali è stata acquisita al protocollo generale della Asl il 3 febbraio scorso a firma del direttore dell’Utin.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asl, dieci defibrillatori per gli ospedali di Brindisi e San Pietro

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento