rotate-mobile
Cronaca Erchie

Discarica abusiva, scatta il sequestro dei carabinieri

La scoperta in contrada Specchiulla, alle porte di Erchie: sigilli a un'area di 630 metri quadrati. Indagini sul proprietario: rischia l'accusa di gestione illecita di rifiuti

ERCHIE - Nel corso di un pattugliamento nelle campagne di Erchie, in contrada Specchiulla, i Carabinieri forestali della Stazione di Brindisi hanno rinvenuto, all’ interno di un fondo privato, una zona caratterizzata da cumuli sovrapposti di rifiuti vari, anche speciali, costituiti da materiali plastici e ferrosi, nonché scarti da attività di costruzioni e demolizioni edili, risultato di un’ attività ripetuta di deposito abusivo, che hanno configurato una vera e propria discarica.

forestali-2

Gli accertamenti hanno evidenziato che i rifiuti non siano stati prodotti, né abbandonati dal proprietario, che non risiede sul posto. Per questo, al momento i militari hanno proceduto ad una denuncia contro ignoti alla Procura della Repubblica di Brindisi, per gestione illecita di rifiuti, fattispecie di illecito contemplata dall’ art. 256, comma 3, del Decreto legislativo n. 152 del 2006 (Testo Unico dell’ Ambiente). Sono tuttavia in corso le indagini per l’ individuazione dei responsabili, che andranno incontro alla pena dell’ arresto da sei mesi a 2 anni, congiuntamente con l’ ammenda da 2.600 a 26.000 euro. In questo caso, non potranno beneficiare della possibilità di accedere alla definizione in via amministrativa dell’ illecito, prevista dalla Legge 68 del 2015, che riguarda le violazioni punite con il solo pagamento in denaro, subordinato alla ripulitura del sito.

Intanto, tutta l’ area della discarica, che aveva ormai raggiunto i 630 metri quadri di superficie e 819 metri cubi di volume, è stata sottoposta a sequestro preventivo d’ urgenza, ad evitare che potesse ampliarsi ulteriormente, affidandola in custodia giudiziale allo stesso proprietario.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discarica abusiva, scatta il sequestro dei carabinieri

BrindisiReport è in caricamento