menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cocaina, armi ed estorsione: arrestati due brindisini

Ai domiciliari Vincenzo Grassi, sorpreso a Fasano con 16 grammi di droga. Ordine di carcerazione per Raffaele Elia di Cisternino: deve scontare cinque anni e sette mesi per detenzione illegale di arma

BRINDISI - Spaccio di droga, estorsione e detenzione di arma sono alla base di due provvedimenti restrittivi eseguiti nella mattinata di oggi dai carabinieri tra Fasano e Cisternino.

Ai domiciliari è finito Vincenzo Grassi, 43 anni, di Fasano, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi, due giorni dopo l'arresto in flagranza di reato portato a termine dagli agenti della Mobile di Brindisi, sezione Narcotici. Il  16 novembre scorso, i poliziotti hanno sorpreso Grassi con 16 grammi di cocaina. 

I carabinieri della stazione di Cisternino hanno eseguito un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dall'Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Brindisi, nei confronti  Raffaele Elia: deve espiare la pena di 5 anni, 7 mesi e 29 giorni di reclusione per estorsione in concorso e detenzione illegale di arma comune da sparo, reati commessi negli anni 2007-2008. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento