menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il degrado di Piazza del Salento, e la richiesta di una chat per i cittadini

Vincenzo Albano chiede interventi per la zona, e l'apertura sul portale web del Comune di una casella per le segnalazioni

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo una segnalazione sul degrado di Piazza del Salento al quartiere Commenda, e la proposta di attivare sul portale web del Comune di Brindisi un'area destinata alle segnalazione dei cittadini inviateci da Vincenzo Albano, esponente brindisino di Liberi e Uguali.

Lo stato di abbandono, incuria e degrado di molte strutture pubbliche e private  ubicate nel territorio comunale, oltre ad arrecare pregiudizio  all’immagine e alla vivibilità della città, possono mettere a rischio l' incolumità fisica  delle persone che si avventurano a frequentarle. Tanti sono i luoghi dimenticati dalle amministrazioni comunali che si sono avvicendate in questi anni, che non hanno posto in essere alcun rimedio efficace per arginarne la deriva negativa e tutelare il diritto dei cittadini  di vivere la propria città in sicurezza.

problemi piazza del salento (2)-2

Tra di essi, un posto di rilievo se lo è guadagnato  da molti mesi Piazza del Salento, al rione Commenda, rispetto alla quale gli abitanti della zona  hanno ormai  perso la speranza,  che qualcuno si impegni effettivamente  a   sottrarla al degrado in cui versa da moltissimo tempo. Lo scenario è quello solito. Pavimento della piazza danneggiato   in moltissimi punti, buche, rigonfiamenti,  pietrini di cemento divelti, altri lesionati, inclinati, che causano seri problemi equilibrio ai frequentatori.

Panchine danneggiate, altre tre eliminate da tempo  e mai ricollocate sul posto. Pulizia carente , guano di piccioni sparso da tempo per terra. Fontanina dell'acqua non funzionante.  Ma anche, cordoli  dissestati, asfalto della carreggiata delle strade circostanti la piazza  danneggiato, con diverse  buche. Chioma degli alberi trascurata,  che avrebbe bisogno di una potatura per  dare  respiro  alla piazza.

problemi piazza del salento (3)-2

Purtroppo, il luogo che aveva rappresentato un punto d’incontro per i cittadini, le  mamme e i bambini, dove poter consumare  in tranquillità  il tempo,  la noia e qualche chiacchiera in compagnia dell'allegria degli amici  e dei giochi dei bambini , per sentirsi vivi e felici, al riparo delle tante amarezze e dei problemi della vita, non esiste più.

E' evidente l'amarezza di  quei cittadini per il comportamento di  una amministrazione comunale, che,  nel passato, si è sempre  dimostrata  insensibile alle loro richieste di intervento e  al loro diritto di poter vivere i luoghi e gli affetti della propria città in tranquillità, che non può essere  ulteriormente espropriato senza ragione. Non  fosse altro,  per dare significato alle  rilevanti somme pagate dai cittadini per assicurare pulizia e decoro alla città.

problemi piazza del salento (5)-2

Per questo sarebbe opportuno   programmare finalmente un intervento  per eliminare tutte le fonti di pericolo e di disagio di quei cittadini, dando  effettiva concretezza all’impegno, più volte dichiarato dai rappresentanti di questa amministrazione, di attenzione ai cittadini e di tutela del decoro urbano, smarcandosi finalmente da quell'immobilismo  mummificato, che ha connotato  l'impegno e l'attività della precedente amministrazione.

Proprio per evitare,  che simili situazioni possano replicarsi senza che ne abbia contezza la città, sarebbe opportuno, esaminare la possibilità di realizzare nel sito web del comune, un apposito spazio, accessibile a  tutti,  per mezzo del quale i cittadini possano direttamente non solo segnalare  le inefficienze, che si verificano nel territorio in tema di illuminazione, decoro, pulizia, ecc.. , ma anche  rappresentare   eventuali carenze, necessità, proporre  le proprie idee, i propri progetti, per rendere migliore questa città.

problemi piazza del salento (4)-2

Un sito per dare trasparenza . In cui  anche l'amministrazione anche da contezza ai cittadini  delle modalità e dei tempi di intervento. Una ricerca nuova, risultata altrove vincente, perché finalmente si  vanno ad  esplorare i bisogni dall’interno del tessuto della città, attraverso la gente, che ne conosce il metabolismo, i ritmi, che vive da vicino i problemi e  che finalmente può non solo raccontare la vita del territorio, delle necessità, delle urgenze,  ma proporsi nella elaborazione  delle priorità e delle prospettive.

Un viaggio  straordinario, insolito per questa città,   alla ricerca dei saperi, delle  idee, delle  speranze,  dei nostri concittadini. Sarebbe la prima iniziativa di  partecipazione popolare  programmata su iniziativa autonoma dell'amministrazione comunale,  che ha avuto modo di praticarla solo per adempiere ad un obbligo di legge, come è accaduto in passato per la rigenerazione urbana o,  come sta accadendo in queste ore,  per la redazione del piano della mobilità urbana sostenibile. Nondimeno,  al punto in cui siamo, per migliorare ci vuole poco, occorre solo impegno e buona volontà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento