menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nelle foto il materiale trovato dagli agenti del Commissariato di Ostuni

Nelle foto il materiale trovato dagli agenti del Commissariato di Ostuni

Fucile, pistola e gioielli in un garage di fronte al liceo scientifico

Denunciato un ragazzo di 17 anni. Trovati anche materiale per tagliare droga, un tesserino dei vigili del fuoco, carte di credito oggetto di furto sulla litoranea di Brindisi

OSTUNI – Un fucile calibro 12 con cartucce, una pistola, coltelli, materiale per tagliare e confezionare la droga e ancora un tesserino di un vigile del fuoco, carte di identità e di credito rubate e gioielli e oggetti d’epoca: tutto nascosto in un garage di fronte al liceo scientifico di Ostuni, usato da un ragazzo di 17 anni che è stato denunciato per ricettazione e detenzione abusiva di armi.

armi ostuni bis-2La scoperta porta la firma degli agenti del commissariato della Città Bianca, diretto dal commissario capo Gianni Albano, insospettivi negli ultimi giorni dal via vai di un giovane nel seminterrato di una palazzina: le continue visite del minorenne (L.M) hanno portato i poliziotti a sospettare che quel box fosse diventato una sorta di mercatino della droga per studenti. Da qui i controlli che hanno portato alla scoperta di un bazar tra armi, kit necessario per tagliare le sostanze stupefacenti e documenti risultati oggetto di furto, e ancora preziosi, con la conseguenza che il 17enne è stato segnalato alla procura per i minorenni di Lecce.

Le operazioni sono state coordinate dal sostituto commissario Rocco Furone e dall’ispettore capo Pierino Tamorrino, i quali hanno scoperto che il garage era di pertinenza del condominio in cui risiede la nonna del ragazzo, assolutamente estranei ai fatti.

Nel box sono stati trovati tre bilancini elettronici, un rotolo di nastro isolante di colore nero, materiale in pietra bianca solitamente usato per tagliare la cocaina. Poiché c’erano due grate metalliche i cui lucchetti erano stati recisi, gli agenti hanno voluto vedere cosa ci fosse dall’altra parte, nel vano in cui erano presenti le condutture d’acqua e qui è arrivata la seconda scoperta: in un percorso somigliante a un labirinto, sono stati trovati un altro bilancio, dell’altro nastro adesivo, una pistola giocattolo modificata e priva del tappo rosso di quelle usate per il soft air, uno zainetto contenente preziosi, oggetti d’epoca ritenuti da collezione e ancora documentazione antica, banconote italiane non più in corso di validità e poi carte di credito, il tesserino di riconoscimento appartenente a un vigile del fuoco, una parrucca, un cacciavite a taglio, 34 cartucce calibro 12. E poi due carte di circolazione di motocicli, due patenti di guida e una busta con diversi mazzi di chiavi di abitazioni e auto.

armi ostuni ter-2Nelle intercapedini sono stati rinvenuti un sacchetto con quattro carica batterie per telefonini, un foglio con istruzioni per intercettare i dispositivi di tracciamento delle auto, ulteriore sostanza da taglio e un fucile calibro 12 avvolto in un panno.

I poliziotti sono riusciti a rintracciare i proprietari degli oggetti rubati: due gli episodi ricostruiti, dal furto del fucile risultato rubato in un appartamento della Città Bianca nel mese di giugno dello scorso anno, mentre i documenti personali, il tesserino dei Vigili del Fuoco, le carte di credito, le patenti di guida nonché le carte di circolazione, rappresentavano la refurtiva di un secondo furto commesso nel mese di settembre 2015 in località Penna Grossa, lungo il litorale brindisino, ai danni di un’autovettura di cui era stato infranto il finestrino. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    A fuoco chiosco del pane, paura al quartiere Paradiso

  • Green

    Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

  • Emergenza Covid-19

    Covid: inarrestabile discesa dei ricoveri, ma ancora troppi decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento