Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca

Compensi Aro, il Comune: trenta giorni per restituire 200mila euro

Lettera del capo di Gabinetto della sindaca: nei prossimi dieci i componenti dell'ufficio potranno presentare controdeduzioni e definire il rimborso degli importi. Si va da un minimo di seimila, al massimo di 63mila a testa. Agli atti della Digos anche la missiva di Alemanno: "Recuperate anche altre somme che ho percepito". E si riserva azioni legali

BRINDISI – Trenta giorni di tempo per restituire i compensi Aro con modalità da comunicare a Palazzo di città entro i prossimi dieci, tenuto conto dell’entità perché per alcuni si tratta di seimila euro e per altri 63mila come da decreto ingiuntivo.

Angela Carluccio 2-2-4Dal Comune di Brindisi, ufficio del Gabinetto della sindaca Angela Carluccio, è partita la lettera di avvio del procedimento che riguarda sei persone alle quali viene riconosciuta la possibilità di replicare e di presentare un piano di “rientro” degli importi sotto forma di riduzioni degli stipendi.

I destinatari della missiva sono: il dirigente del settore Affari Generali Costantino del Citerna per 63mila euro, il solo ad avere adito le vie legali salvo poi rinunciare; l’ex segretario generale Paola Giacovazzo per 60mila euro; l’ingegnere Gianluigi Fantetti per 36mila; Cristina Guadalupi per 33.600; Rosanna De Angelis per 21mila e lo stesso attuale segretario generale Giuseppe Salvatore Alemanno per seimila euro. All’appello per la restituzione manca la dirigente del settore Servizi Finanziari, Mirella Destino, l’unica a non aver incassato perché sarebbe stata lei stessa a non comunicare il suo nominativo all’ufficio stipendi. Anche se, al momento, non sarebbe ancora stato chiarito il perché.

Sono tutti componenti dell’Ufficio dell’Ambito di raccolta ottimale alle quali la stessa Amministrazione ha liquidato complessivamente la somma di  188.479 euro, il giorno dopo le (non) dimissioni della prima cittadina. E lei, la sindaca, una volta rientrata la crisi politica, sia pure con la perdita del vice Francesco Silvestre dopo la decisione di revocargli la delega i rifiuti, ha scoperto del pagamento ed è andata su tutte le furie. Perché, secondo il suo staff, quelle somme non erano dovute in virtù del principio dell’onnicomprensività di recente evidenziato anche dalla Corte dei Conti.

La sindaca era probabilmente convinta di ottenere conferma di questa tesi dal segretario generale, Giuseppe Salvatore Alemanno, arrivato a Palazzo di città lo scorso mese di novembre e subentrato al posto dell’uscente Paola Giacovazzo anche nell’ufficio Aro. Ad Alemanno aveva chiesto una relazione per ricostruire la vicenda. Invece no. Il segretario è arrivato a conclusioni opposte, ha affermato la legittimità dei compensi e dei successivi pagamenti e ha pure scritto che l’atteggiamento della sindaca non sarebbe di aiuto ai fini della chiarezza e della serenità. Fatto sta che il caso è diventato di interesse investigativo, visto che gli agenti della Digos sono piombati al Comune per acquisire i documenti, salvo scoprire che non c’è e non si trova il verbale di costituzione dell’ufficio Aro e con indicazione dei criteri per i compensi di ciascuno dei componenti.

giuseppe-alemanno-segretario-noci-750x410-2Non è ancora stato chiarito in che modo e da chi siano stati stabiliti. C’è un elenco scritto a penna e ci sono i mandati di pagamento. Tutto acquisito dagli agenti che, da ultimo, hanno chiesto copia della lettera scritta dal segretario lo scorso 10 marzo, sulla questione “compensi Aro”.Alemanno chiede “il recupero, a danno dello scrivente, del compenso Aro corrisposto come segretario generale Aro, come titolare della necessaria funzione di legalizzazione delle sedute di assemblea, nonché di quella di coordinamento delle attività non esperibili da altro soggetto”. Non solo. “Evidenzio -si legge – l’opportunità di valutare di procedere in tal senso anche in relazione ad altre liquidazioni effettuate. Lo scrivente si riserva, poi, ogni azione a tutela della propria posizione”. Bisognerà aspettare un mese per capire cosa succederà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Compensi Aro, il Comune: trenta giorni per restituire 200mila euro

BrindisiReport è in caricamento