menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal Comune stop al Beer fest sul lungomare di Brindisi: trasloco in vista

La decisione del vice sindaco Brigante dopo le proteste degli ambulanti di San Teodoro: "La festa della Birra in piazzale Flacco, ma dopo gli eventi per i patroni". Le bancarelle restano in via del Mare: "Così rispondiamo anche alle richieste di decoro dei commercianti dei corsi". E sul traffico, appello ai brindisini: "Camminate a piedi"

BRINDISI – “Il lungomare Regina Margherita resta della città, il che vuol dire che non ospiterà il Beer Fest, né durante i giorni della festa patronale, né tanto meno in quelli a seguire: l’evento traslocherà in piazzale Lenio Flacco e dovrà necessariamente essere slittato al termine degli appuntamenti per San Lorenzo e San Teodoro per non creare confusione e rispettare le legittime aspettative degli ambulanti che restano in via del Mare”.

Le accuse di Salvatore BrigantePrima che l’incendio di fine estate raggiungesse il Palazzo (di città), il vice sindaco (in pectore) Salvatore Brigante (nella foto) è diventato pompiere e ha spento (si spera) le fiamme divampate appena si è saputo che il lungomare Regina Margherita avrebbe ospitato il Beer Fest a partire dal 31 agosto prossimo e nei giorni della festa patronale, come si legge nella locandina che campeggia in qualche esercizio commerciale di Brindisi. Gli ambulanti che rappresentano l’espressione del momento “profano” ma pur sempre essenziale della festa in onore dei Santi patroni della città sono insorti, gridando al “tradimento”. Il tradimento da parte del Comune che, secondo i più arrabbiati, avrebbe scelto di dare ospitalità alla festa della birra sfrattando appunto le bancarelle da sempre di “casa” lungo i corsi. Con richiesta di pagamento, in aggiunta alla Tosap, di un contributo di 170 euro a titolo di partecipazione alle spese per la sistemazione degli stalli, organizzati sotto la voce “mercatino di San Teodoro”.

Lo stop al Beer Fest è arrivato questa mattina, lunedì 22 agosto, per mano di Brigante, il quale appena arrivato al Comune in sostituzione della sindaca Angela Carluccio, in ferie sino al primo giorno della festa patronale, ha chiamato a raccolta gli assessori alle Attività produttive, Cosimo Laguercia, e alle feste, Maria Greco, per mediare tra le esigenze: da un lato quella degli organizzatori del Beer Fest, dall’altra quella degli ambulanti e nel mezzo quella dei commercianti del Centro di Brindisi. Mica semplice.

“Posto che non si poteva arrivare alla festa patronale, nelle condizioni in cui eravamo, con la protesta degli ambulanti, abbiamo deciso di contattare gli organizzatori del Beer Fest per proporre una diversa sistemazione e un’altra data”, spiega Brigante mentre è al Cesare Braico, impegnato a controllare – fa sapere – i lavori di pulizia affidati alla Multiservizi. “Il Comune è disponibile a riconoscere piazzale Lenio Flacco, nei giorni successivi alla festa patronale, in modo tale da non creare sovrapposizione di eventi e non congestionare anche il traffico”.

“Per il Beer Fest non ci sarà alcun contributo dall’Amministrazione cittadina che ha riconosciuto solo il patrocinio morale, mentre resta ferma la richiesta di pagamento della Tosap”, precisa il vice sindaco, titolare della delega ai Lavori Pubblici per i Democratici per Brindisi. In tema di precisazioni, vale la pena chiedere che fine ha fatto il “Birra & sound” proposto dalla Pro Loco, per il quale c’era stato l’impegno di spesa, pari a ottomila euro, deciso dal commissario Cesare Castelli.

“La Pro Loco, nei giorni successivi all’insediamento della sindaca, ha scritto al Comune dicendo di rinunciare all’evento”, spiega Brigante che ben ricorda le polemiche sollevate dal centrosinistra con Nando Marino in testa, sull’opportunità di riconoscere la somma, due giorni dopo la vittoria al ballottaggio dei moderati, su richiesta del presidente della Pro Loro, Tiziana Martucci, che poi si è dimessa e, dopo la proclamazione degli eletti, è entrata in Consiglio comunale per i centristi. “L’importo, quindi, sarà destinato ad altro, ma non – ripeto – al nuovo evento organizzato per la birra”.

festa della birra-3Sono diversi, infatti, gli organizzatori del Beer Fest, marchio sperimentato con successo in provincia di Brindisi. Nulla hanno a che vedere con la Pro Loco. Anche questo è chiaro. Così come è certo che le bancarelle non dovranno temere un altro evento nei giorni della festa, ma dovranno restare in via del Mare, sistemazione confermata dal vice sindaco.

“Per gli ambulanti, il Comune ha scelto via del Mare per avere un’organizzazione migliore sotto il profilo del decoro, anche per ascoltare le richieste arrivate dai commercianti dei Corsi: in più occasioni hanno protestato sostenendo che le bancarelle arrivavano davanti all’ingresso del negozio”, spiega Brigante. “In tal modo, crediamo di aver trovato una soluzione in grado di assicurare ordine e rispetto per le esigenze di tutti. In via del Mare, inoltre, è possibile avere una continuità con via Spalato dove saranno sistemate le giostre e quindi ci sarà un percorso di accompagnamento al luna-park”.

Resta da organizzare il traffico, con la viabilità che nei giorni della festa patronale impazzisce, e verificare la disponibilità di spazi per il parcheggio: “E’ previsto a breve un incontro con il comandante dei vigili urbani, di certo ci saranno bus navetta e motobarca a orario prolungato e spazi per il posteggio nel quartiere Perrino”, anticipa il vice sindaco. “Ma prima ancora, il Comune lancia un appello ai brindisini: godetevi la festa camminando a piedi. Che fa pure bene”. 

La  volontà espressa dal vice sindaco, è stata confermata dalla sindaca Angela Carluccio, in ferie, nella tarda mattinata di oggi (ore 12,10) tramite la nota stampa inviata dal suo portavoce, Gianmarco Di Napoli.

articolo aggiornato alle 12,10

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento