rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Impianti sportivi, Natuna ottiene decreto ingiuntivo per 42mila euro

La società: “Fatture non pagate dal Comune”. L’Ente: “Tutto in regola”

BRINDISI – Scontro in Tribunale fra la società Natuna che gestiva gli impianti sportivi e il Comune di Brindisi: la prima ha ottenuta un decreto ingiuntivo per 42mila euro (circa) sostenendo il mancato pagamento di fatture da parte dell’Ente, mentre l’Amministrazione cittadina respinge l’addebito e propone opposizione sostenendo che i canoni mensili sono stati versati regolarmente.

La somma precisa è 41.923 euro e 34 centesimi, l’oggetto del contendere riguarda il “servizio di  manutenzione ordinaria, custodia e pulizia degli impianti sportivi”. Secondo la spa “sono state emesse svariate fatture relative ai servizi espletati, alcune quelle quali mai pagate, sebbene regolarmente trasmesse”. Per  il dirigente del servizio Impianti sportivi “le fatture poste a base del decreto ingiuntivo, si riferiscono a rimborsi per consumi di energia elettrica, idrici e fogna e che il canone mensile erogato risulta comprensivo anche di tutti i costi per i rimborsi di tali utenze”.

Le parti, di conseguenza, si vedranno in Tribunale, dove l’Amministrazione cittadina sarò rappresentata dagli avvocati interni Emanuela Guarino e Monica Canepa. L’incarico è stato affidato oggi dal commissario Santi Giuffrè con delibera adottata con i poteri della Giunta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianti sportivi, Natuna ottiene decreto ingiuntivo per 42mila euro

BrindisiReport è in caricamento